domenica 21 Aprile, 2019 - 22:54:34
Home > Rubriche > Il Punto > Benedetto XVI non si arrende ad una chiesa dominata da “cattolici” pedofili ed omosessuali

Benedetto XVI non si arrende ad una chiesa dominata da “cattolici” pedofili ed omosessuali

Papa Benedetto XVI – Foto: Alessia Giuliani – CPP
Proprio in pieno clima pasquale la Chiesa vive una delle sue crisi epocali. Papà Benedetto XVI apre una “vertenza” con ciò che dovrebbe essere il mondo cattolico. Dalle sue parole di nota la distanza che separa i due papi.
Una pertubazione ecclesiastica si muove nella Chiesa di Bergoglio. La “brigata” o la “lobby” di Papa Bergoglio è alle strette. Bisogna dare il necessario spazio al tempo e alla considerazione dei fatti.

Che è una Chiesa allo sbando quella del relativista Bergoglio lo dico da anni, tanto da essere stato censurato e inquisito dalla sua inquisizione, questo fatto è cosa nota. Cacciato dalla Chiesa bergogliana. I miei scritti censurati e censurato anche un confronto con i potentati di questa Chiesa. Ma a dire il vero sono abbastanza onorato che ciò sia successo, perché non ho nulla a che fare con i para illuministi, gli abortisti e i provocatori delle immigrazioni.

Ora è Benedetto XVI che alza le parole e punta l’obiettivo del suo linguaggio in una riflessione attenta, precisa, tradizionalista sul ruolo che dovrebbe avere la chiesa e i cattolici veri e non quelli della apparenza monologante. Non batte il pugno sul tavolo. Più grave.

Con la sua formazione filosofica e teologica ci pone davanti a delle questioni serie. Dove va il mondo cattolico in queste macerie di “sacramenti”? Le rovine della “fede” si ascoltano tra i diversi agorà. La tradizione come valore sottomessa alla leggerezza del pensiero vacante. Benedetto XVI ha richiamato alla cristianità e non ci sono state risposte da parte dei bergogliani.

Si ha timore a dare una risposta. Soprattutto quando l’attenzione è rivolta alle nicchie, che tali non solo, dei pedofili e degli omosessuali che abitano il papato di Bergoglio. Ma il discorso è ancora più profondo. È il relativismo di questo papato che ha permesso ciò. È il relativismo di Bergoglio che di contrappone ad una politica sulla immigrazione. È il relativismo delle Chiese di Bergoglio che non riescono a dare una risposta robusta ad una teologia della cristianità degli immigranti o migranti.

Nell’aria ci sono sempre gli echi di Ratisbona. Quando Benedetto XVI pose le basi di una teologia forte del cristianesimo attraversando antropologia e filosofia. Il problema, comunque, è gravissimo. I cattolici si bendano gli occhi non sapendo che lo sguardo va oltre. Certo. Io sto con Benedetto XVI. Non posso accettare una Chiesa leggera e feconda di superfiacialismo. Le parole del grande papa Benedetto sono sfide e razzi lanciati nel gregge dei cattolici e non cattolici. Chi avrà il coraggio di raccoglierle?

Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Maxi operazione della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente

TARANTO – I militari della Guardia Costiera di Taranto, alle dipendenze del Comandante Giorgio CASTRONUOVO, …