lunedì 16 Maggio, 2022 - 8:06:45

Cascarano : a Taranto una task force della cultura

 

La Magna Grecia, i Messapi, il barocco, le maioliche, il mare, la civiltà contadina, le ceramiche, i riti della Settimana Santa, le cattedrali, i centri storici. Taranto e la provincia ionica hanno un grande patrimonio artistico e culturale che va tutelato, valorizzato e promosso.
Taranto deve ripartire da qui e coinvolgere tutti i livelli istituzionali: Enti territoriali, Regione, Parlamento, Governo, Unione Europea. Serve un’azione unitaria, senza dispersioni, nè fughe in direzioni opposte. Occorre dare vita ad una “Task force della Cultura” per fare sistema e mettere in rete i siti, le iniziative, le manifestazioni; per drenare risorse economiche coinvolgendo le Soprintendenze, gli enti di ricerca, il sistema scolastico e universitario, le associazioni.
La cultura e le attività connesse (come il turismo), devono diventare settori strategici per Taranto, occasione di sviluppo, di progresso, di crescita economica e sociale.
La cultura è uno dei motori trainanti dell’economia italiana, uno dei fattori che più alimentano il made in Italy. Il Sistema Produttivo Culturale e Creativo genera quasi 90 miliardi di euro e attiva altri settori dell’economia, arrivando a muovere nell’insieme 250 miliardi, equivalenti al 16,7% del valore aggiunto nazionale.
Ce lo dice il Rapporto 2017 “Io sono cultura – l’Italia della qualità e della bellezza sfida la crisi”, elaborato da Fondazione Symbola e Unioncamere. La ricchezza generata dalla cultura si riflette in positivo sull’occupazione e dà lavoro a 1,5 milioni di persone che rappresentano il 6% del totale degli occupati in Italia.
Anche l’Unione europea ha preso maggiore coscienza del fattore strategico cultura. In quest’ottica va letto l’impegno di Bruxelles per l’istituzione del Fondo di garanzia sui prestiti, che attribuisce 122 milioni di euro a intermediari selezionati dal Fondo Europeo per gli investimenti, per consentire ai soggetti dei settori culturale, creativo e audiovisivo di accedere a finanziamenti a tassi interessanti e senza ricorrere a garanzie personali.
Taranto, terra della cultura. Per dare gambe a questa idea serve la concretezza riformista di forze di governo progressiste. Un ministro qualche anno fa disse: con la cultura non si mangia. Era un ministro di centrodestra: stessa coalizione, stesse idee. La cultura abbatte le barriere, il populismo le alza. La cultura stimola il confronto, la sedicente democrazia dei blog lo annulla. Sostenere il Partito democratico e la coalizione di centrosinistra è la sola scelta di buon senso e governabilità.

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione de La Voce di Maruggio

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Le “matite” di undici disegnatori tarantini per i delfini

Le “matite” di undici disegnatori tarantini per i delfini

Tra questi il grande artista americano Sal Velluto che torna nella sua città natale per …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.