giovedì 22 Febbraio, 2024 - 19:16:26

Cerimonia di conferimento degli Alamari e di chiusura del 141° Corso formativo della Scuola Allievi Carabinieri di Taranto.

Gli Allievi del 141° Corso formativo della Scuola Carabinieri di Taranto hanno, al fine, traguardato la conclusione del percorso addestrativo avviato sei mesi orsono.

Questa mattina, la Caserma “Castrogiovanni”, è stata teatro della toccante cerimonia di conferimento degli Alamari d’Argento, particolare segno distintivo che viene apposto sulla marsina e definisce il mutamento di status da Allievo a Carabiniere. La celebrazione è strettamente correlata a quella del Giuramento solenne che, lo scorso 30 Aprile, ha visto assieme protagonisti, per la prima volta, Carabinieri e Marina Militare, nello splendore del lungomare di Taranto.

Anche oggi, ad attendere il Comandante della Scuola, Colonnello Giuseppe Palma ed i 245 Allievi del 141° Corso, questa volta schierati nella più intima Piazza d’Armi, vi erano sin dal mattino, in trepidante attesa, tantissimi genitori, parenti ed amici, pronti a festeggiare l’evento di commiato. Già domani, i neo Carabinieri partiranno alla volta delle 4.575 Stazioni che punteggiano il territorio nazionale, pronti a fare la loro parte, desiderosi di servire la comunità e consolidare, dunque, quel copioso patrimonio di valori che le generazioni passate hanno loro tramandato.

A conferire massima solennità alla liturgia è stata la presenza del Generale di Divisione Carlo Cerrina, Comandante della Legione Allievi Carabinieri, massima Autorità del consesso addestrativo dell’Arma in tema di formazione di Allievi Carabinieri, il quale, prima della cerimonia, unitamente al Comandante della Scuola, ha reso onore ai Caduti, con una deposizione di Corona. Era presente, inoltre, il Generale di Divisione, Stefano Spagnol, Comandante della Legione Carabinieri Puglia, il Prefetto, dott. Demetrio Martino, il Questore ed i Responsabile Provinciali delle FF.OO., oltre ad alti Ufficiali della Marina Militare e delle restanti FF.AA. Numerose, più in generale, sono state le Autorità civili, militari e religiose che hanno inteso onorare l’evento con la loro partecipazione, a testimonianza della vicinanza all’Arma dei Carabinieri.

Hanno preso parte alla cerimonia, connotandola, così, di massima sacralità, i congiunti del Maggiore Ugo De Carolis, Medaglia d’Oro al Valor Militare, del Maresciallo Maggiore Ettore D’Amore, Medaglia d’Oro al Valor Militare e del Capitano Emanuele Basile, Medaglia d’Oro al Valor Civile, alti esempi di virtu’ etiche.

Particolarmente toccanti sono state le parole pronunciate dal Generale Cerrina, il quale ha posto l’accento sulla valorosa figura del Car. Bonavitacola Filippo, Medaglia d’Oro al Valor Militare “alla memoria”, impegnato a combattere l’occupante tedesco all’indomani dell’Armistizio. Già fatto prigioniero una prima volta, riusciva a fuggire per poi riprendere la lotta di resistenza. Catturato nuovamente, veniva posto dinanzi al plotone di esecuzione, mantenendo, tuttavia, forte dignità e senso dell’onore, specie allorquando l’Ufficiale tedesco, dopo avergli strappato gli Alamari dall’uniforme, gli intimava di calpestarli. Per tutta risposta il Bonavitacola sferrava un pugno al volto dell’Ufficiale urlando il proprio amore verso la Patria.

Fortemente emozionante è stato, poi, l’atto di apposizione degli Alamari sulla marsina, da parte dei genitori, parenti ed amici che invadendo la Piazza d’Armi e mescolandosi tra le Uniformi Storiche indossate dagli Allievi, hanno così rinnovato la comunione tra Arma dei Carabinieri e popolo italiano.

Il Comandante della Scuola, Colonnello Giuseppe Palma, nella sua allocuzione, ha ricordato che l’Arma è Polizia di comunità, che dà voce e risposte ai problemi della gente, che crede e resiste in nome di una Patria che non discrimina e non accetta disparità, come sancito dalla Costituzione Repubblicana. Rivolgendosi agli Allievi e dopo averli affidati alla protezione della Virgo Fidelis, ha augurato ogni fortuna, ricordando loro che sono lo scudo dei deboli e la spada della giustizia.

La Cerimonia si è poi conclusa tra abbracci, commozione e foto ricordo di un momento che ogni Allievo serberà per sempre nel proprio cuore.

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Foto CC Fasano

Aggressione a Monopoli: Quattro Arresti per Tentato Omicidio dopo il Furto di un Casco e Chiavi di Moto

i Carabinieri della Compagnia di Fasano, supportati dal personale del Nucleo Cinofili CC di Modugno, hanno eseguito un'ordinanza cautelare in carcere nei confronti di quattro persone di Monopoli.