giovedì 13 Dic, 2018 - 5:41:26
Home > Rubriche > Il Punto > Chi e’ l’imbecille anonimo? Provate a indovinare. Vi regalo una coscia di paperetta muta

Chi e’ l’imbecille anonimo? Provate a indovinare. Vi regalo una coscia di paperetta muta

C’era una volta un imbecille, poi un misero e poi  uno squallido. L’imbecille chiese al misero di osservare il mare. E il misero delegò lo squallido. Il mare però era partito, lontano, lontano, lontano ma aveva portato seco un cannocchiale.
Ogni tanto da uno scoglio puntava lo sguardo.
Un bel giorno si chiese: ma chi è l’imbecille? Quello che fa il misero credendosi squallido o lo squallido pensando di essere il misero? A questa domanda non rispose. Perchè? Per un semplice motivo.
E allora, voi, cari lettori e lettrici e frequentatori di facebook indovinate il motivo.
Il mare lo sa e anche io lo so. Basta un po’ di ironia, di bellezza e di bravura.
Noi siamo ironici, siamo belli e siamo bravi. Perché il noi? Indovinate un po’.
Su questo non ci sono dubbi. L’imbecille vestito da misero e mascheratosi da squallido non ha queste qualità. Ma non è colpa nostra e tanto meno mia e ancor di più del mare.
C’è un fatto però. Che il mare, sempre le metafore, i folli sanno giocare con le metafore (non lo sapevate?), ha studiato per anni, si è laureato con ben due lauree, ha insegnato, ha conseguito il titolo di docente, è chiamato dal vento e dalla pioggia a svolgere conferenze, incontri e a pubblicare libri in tutto il mondo.
E’ un sapiente. Anzi un MAESTRO! Chiamatemi MAESTRO e non DOTT. O PROF. SAREBBE TROPPO RIDUTTIVO. Dunque: MAESTRO.  Sempre senza soldi. Questo è vero ed è accertabile. Ma ha tanto lavorato per scrivere, pubblicare e parlar bene. Sempre bene. Ha un difetto.
Sapete quale? Questo ve lo dico o ve lo dice il mare (attenzione al ve lo: qualche docente ignorante potrebbe obiettare?): quello di dire sempre ciò che pensa con il coraggio delle sfide e delle idee e firmandosi con nome e cognome.
Dimenticavo… Il paradosso di chi è folle…
L’imbecillità è l’alba che circonda gli ANONIMI.
La loro miseria non è scritta dalle parole ma dalla loro nullità e dalla paura.
Gli ANONIMI non conoscono il coraggio, tanto meno le scelte, ancora più il rischio.
Possono sentirsi delle iene ma sono soltanto delle assenze.
Il vuoto è meno o più di una assenza?
Noi siamo stati, siamo e resteremo quelli che Tomasi di Lampedusa ha definito i GATTOPARDI. Noi, io, il mare: metafore.
Ovvero nella nobiltà c’è la capacità delle sfide.
Ma è da chiarire.
Il mare, per ritornare al mare, non sa cosa farsene degli avversari. D’altronde se avversari o nemici devono esserci, ed è bene che ci siano, c’è da dire che nessuno può considerarsi avversario del mare.
Perchè?
Una bella domanda con una risposta facile facile.
Il mare gli avversari li sceglie. E quindi il mare – metafora decide chi può competere o meno con le sue onde e finora non ci sono avversari ma solo squallidi, miseri, imbecilli anonimi.
Allora. C’era una volta…
Il mare deve scrivere le pagine sulle quali la sabbia impone il vento… Gli altri facciano i loro compiti di imbecilli e altro…
Il resto non è neppure pioggia di coccodrillo.
Sapete cosa mi hanno dato per pranzo nell’ultimo convegno sulle minoranze?
Un bel piatto con una coscia di paperette mute.

Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Francia: spari nel centro di Strasburgo nei mercatini di Natale, 2 morti accertati e 11 feriti

Spari in un mercato di Natale a Strasburgo, in Francia. Il bilancio provvisorio sale ad …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.