sabato 04 Febbraio, 2023 - 0:48:33

Confagricoltura Puglia, Lazzàro: “Prezzo uve Primitivo, va restituita dignità ai produttori”

Confagricoltura Puglia, Lazzàro: “Prezzo uve Primitivo, va restituita dignità ai produttori”

Mercoledì mattina l’organizzazione incontrerà a Bari l’assessore Pentassuglia. Per la vendemmia 2022 atteso un prodotto di ottima qualità.

Primitivo: Confagricoltura Puglia ha fissato un incontro con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione per incardinare istituzionalmente gli attriti tra produttori e vinificatori sul prezzo dell’uva. La riunione è in agenda per mercoledì prossimo nella sede dell’assessorato.

Confagricoltura Puglia, Lazzàro: “Prezzo uve Primitivo, va restituita dignità ai produttori”

“Come abbiamo fatto per i produttori di latte anche questa volta chiediamo prezzi equi che diano dignità”, evidenzia Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia. A pochi giorni dalla vendemmia 2022, nella quale si attende un prodotto di ottima qualità, il settore del vino, nel Salento in modo particolare, ma comunque in tutta la regione, è in questo momento in forte fibrillazione. “È necessario intervenire in maniera sistematica per correggere tutte quelle storture che negli scorsi anni hanno contribuito a causare una bolla dal punto di vista economico”. “Non si può scaricare la crisi solo sui produttori. È essenziale intervenire velocemente con un sostegno economico – dice – per far fronte all’aumento dei costi e per riequilibrare in parte il danno economico subito dai vignaioli che quest’anno vedranno pagate le uve molto meno rispetto alle annate precedenti. A questo proposito abbiamo chiesto all’assessore all’Agricoltura della Regione Puglia Donato Pentassuglia di aprire un tavolo di confronto con i vari attori della filiera e intervenire sul disciplinare di produzione del Primitivo. È necessario che a prevalere sia il concetto di eccellenza e di rispetto del lavoro dei produttori”.

Controlli, diversificazione e la riduzione delle rese eccessive sono necessari per il rilancio dell’intera filiera vitivinicola.

“Per il Primitivo – conclude – la modifica delle rese dell’IGT Puglia, i controlli e la qualità del prodotto sono fondamentale per ripagare il sacrificio e gli investimenti fatti in questi anni per portare a valore questo straordinario vino. E, nella valorizzazione del Primitivo, è strategico il ruolo svolto dal Consorzio e dalla sua presidente Novella Pastorelli”.

Più in generale, i bianchi e i rosati della nostra regione guadagnano pian piano mercato, per accelerare serve investire ancora più sul marketing. A questo vanno aggiunti i controlli che sono essenziali sia in termini di qualità che in termini di tutela”.

 

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

Il tragico e la bellezza o del dialogo fra Bruni e la letteratura della plurinfelice …