mercoledì 02 Dicembre, 2020 - 11:20:00

Conto alla rovescia per la Battaglia dell’XI secolo tra Normanni e Bizantini X edizione

battaglia repertorioDue giorni di “living history”, tra armi e cavalieri, tende e combattimenti. Sabato 4 e domenica 5 giugno torna al Parco Archeologico di Saturo (marina di Leporano) “La Battaglia dell’XI secolo tra Normanni e Bizantini”. Saranno circa 200 i rievocatori, che arriveranno da tutta Italia e anche dalla Bulgaria appositamente per il grande evento, organizzato dall’associazione storico culturale “I Cavalieri de li Terre Tarentine” in collaborazione con la Cooperativa Polisviluppo.

Quest’anno la manifestazione compie 10 anni, segno forte di un radicamento sul territorio che, in ogni edizione, attira migliaia di appassionati. “Si tratta della più grande battaglia rievocativa medievale di tutta Italia- ha spiegato l’organizzatore Vito Maglie nel corso della conferenza stampa- che, in due giornate, ripercorrerà le tappe di un episodio bellico realmente accaduto nel 1060. Lo spettacolo nasce da un attento studio delle fonti e delle tattiche militari, con l’utilizzo di armature e abiti dell’epoca”. A fare da cornice allo spettacolo, una torre in legno con tanto di strutture difensive, un ricco accampamento medievale con oltre 50 tende medievali arredate e artigiani impegnati nelle attività del periodo. Si comincia sabato pomeriggio alle 16.30 con l’apertura dell’accampamento con mercatino e animazione storica. Alle 18.30 si affilano le armi, la battaglia può cominciare.

bataglia repertorio 2Domenica, sempre alle 18.30, avrà inizio lo scontro finale tra i Normanni- guidati da Roberto il Guiscardo e dal conte Malgerio- e i Bizantini con al comando il generale Mariarcha. In serata, durante le due giornate, per il pubblico sarà possibile fermarsi per la degustazione di birre artigianali dell’epoca (realizzate con una ricetta apposita e imperdibile) e il servizio braceria (in collaborazione con alcuni iscritti e fondatori dell’associazione Made in Taranto). La narrazione dei concitati momenti sarà affidata all’attore Giovanni Guarino. Per Francesco Franchini, della cooperativa Polisviluppo, il Parco rappresenta la location ideale, tra mare, storia e natura.

L’evento è patrocinato dal comune di Leporano (grazie al sindaco Angelo D’Abramo e al suo vice Iolanda Lotta), dalla Provincia di Taranto e dall’assessorato all’industria turistica e culturale della Regione Puglia.

Ingresso manifestazione: 4 euro, gratis per i bambini sotto i 10 anni. Info: 338.4087801, www.cavalieriterretarentine.it, facebook “La Battaglia dell’XI secolo tra Normanni e Bizantini-X edizione”. Il Parco si raggiunge facilmente percorrendo la litoranea salentina.

Coordinate GPS: Leporano, ITA @40.37242°N, 17.30634°E.

I GRUPPI PARTECIPANTI. Alla battaglia storica parteciperanno associazioni di rievocatori storici dell’XI secolo tra i più titolati in Italia per conoscenze e coerenza filologica e competenze nelle arti marziali occidentali medievali, ed un gruppo in arrivo dalla Bulgaria.

  • I Cavalieri de li Terre Tarentine (team leader ed organizzatore principale)
  • Historia, Bari;
  • Milites federici II, Oria (BR);
  • Imperiales Federici II, Foggia;
  • Amici del Medioevo, Manfredonia (FG);
  • La Durlindana, Massafra (TA);
  • Rosa e Spada, Napoli;
  • Lupo errante, Montesilvano (PE);
  • Association of Free Re-enactors in Bulgaria;
  • Militia Fretentis Messina;
  • Militia Buxenti ,Caselle in Pittari (SA);
  • Exercitus Viscardi, Brindisi;
  • The Vikings, Italy;
  • Compagnia del Drago, Villa S.Giovanni (RC);
  • Impuratus, Bitonto (Ba);
  • Reenactmet Society-SouthMen Lag (Italia);
  • Clivi Aulonis Arcatores Taranto;
  • Compagnia Ferro e Fuoco S.Gregorio (Ct);
  • Milites Trinacriae Modica (Rg);
  • Tislanders ASD, Catanzaro;
  • Cavalieri del Giglio, Angri (Sa);
  • La Quarta Compagnia, Roma;
  • Contea Normanna, Reggio Calabria.
  • Demiurgo-art, Toritto (Ba).
  • Insubria antiqua Arsago Seprio, Varese

L’ASSOCIAZIONE “I CAVALIERI DE LI TERRE TARENTINE”. L’associazione- senza scopo di lucro- nasce nel 2005 dal desiderio di un gruppo di amici, accomunati dalla passione per la storia e le proprie radici. Il progetto, dal forte carattere filologico, punta ad approfondire lo studio di aspetti della storia e della cultura del territorio per creare “un contenitore della memoria”, divulgato attraverso l’idea del “living history”. Propone abitualmente attività di animazione, rievocazione storica, divulgazione di tecniche marziali principalmente del periodo medievale, partecipando a manifestazioni sportive di scherma storica, giostre, tornei e battaglie, proseguendo contestualmente sul fronte della ricerca finalizzate allo studio di personaggi, usi e costumi.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.