lunedì 26 Ottobre, 2020 - 1:43:40

Coronavirus Taranto: Parla l’uomo di Torricella e chiarisce i suoi spostamenti

È originario di Torricella e fa il carpentiere il primo infetto da coronavirus pugliese. Ha primi sintomi di malesssere l’uomo di trovava in un località marina poco distante da Torricella, martedì  scorso, 25 febbraio, è stato prelevato dall’ambulanza della Asl che lo ha trasportato, rispettando tutti i protocolli sanitari, nel reparto malattie infettive dell’ospedale Moscati di Taranto.

Nei giorni scorsi l’uomo si trovava in un paese a 38 km da Codogno nel lodigiano Caselle Lurani. L’uomo secondo alcune ricostruzioni ma non confermate, aveva fatto visita alla madre gravemente ammalata e ricoverata in una struttura nelle vicinanze di Codogno. Dopo una visita di poche ore. L’uomo poi torna subito a Caselle
Lurani. Nel frattempo il 20 febbraio viene trovato il primo positivo a Codogno, il 38enne considerato il “paziente 1” e il 21 la cittadina lombarda viene isolata. Il tarantino rientra da Caselle Lurani in Puglia lunedì 24 in aereo da Malpensa. L’isolamento, infatti, riguarda solo chi si trova a Codogno. Alle 4 del mattino del 25 febbraio, dopo cioè il suo ritorno, compare la febbre. Immediatamente l’uomo si mette in auto-isolamento informando il proprio medico ed evitando contatti con altre persone.

Ovviamente sono scattati i controlli anche per i pochi che sono entrati in contatto con lui al rientro. Attualmente è in isolamento, ricoverato al San Giuseppe Moscati di Taranto ma le sue condizioni sono buone.

Nello stesso reparto per infettivi di Taranto si trovano attualmente altri tre pazienti sotto osservazione, un orientale, un uomo e una donna italiani, quest’ultima proveniente da un comune dello stesso versante orientale della provincia jonica, rientrati da poco da un centro della zona rossa. A tutti e tre è stato eseguito il tampone inviato al policlinico di Bari per l’esame e la diagnosi che si saprà oggi.

Ecco la testimonianza integrale dell’uomo che racconta esattamente la vicenda.

«Lasciate perdere le persone: sono io, dovete rivolgervi a me. Cosa c’entra Peppo Turco con la mia persona se non il fatto di essersi subito attivato per un suo concittadino? Perché ve la state prendendo con tutti: io sono in attesa ho fatto il tampone e sto bene, voi sapete tutto ed io ancora devo avere conferma. Sono io la persona che più odiate in questo momento, il primo caso del Coronavirus in Puglia. Visto che vi reputo persone intelligenti sono sicuro che lo leggerete fino in fondo.

Sono salito giorno 19/02, con volo Rayaner delle 14,55, arrivato a lodi ho soggiornato presso casa di mio fratello in un comune chiamato Caselle Lurani. Il giorno successivo sono rimasto tutto il tempo a casa. Poi mi son recato a Codogno (non all’ospedale dove sono stati poi successivamente individuati i casi), ma nello stesso comune, a trovare mia madre, che era stata ricoverata in un centro nelle vicinanze per l’Alzheimer e per la quale mamma son salito a Milano (lei sta tutt’ora male e non ho più potuto vedere).

Il giorno successivo, mentre ci prepariamo per andare a trovarla, sentiamo in tv le notizie relative alla situazione di Codogno e contattiamo la struttura, la quale ci rassicura e ci dice che potevamo andare a trovare la mamma. Arrivati li ci comunicano via telefono che non era possibile accedere e di tornare a casa: è proprio quello che abbiamo fatto. In serata poi apprendiamo dalla tv che tutto il paese era bloccato.

Abbiamo chiamato per conferma e comunque non ci siamo più recati li. Un giorno prima di partire ho chiamato i numeri messi a disposizione, dicendo ciò che vi scrivo qui ora. Mi hanno detto di partire perche non sono stato a contatto con le persone malate. Per una premura mia abbiamo chiamato il medico di base di mia cognata il 23 febbraio, che mi ha mandato la mail con tutte le indicazioni che ho seguito alla lettera e nella quale diceva, essendo io asintomatico, potevo partire, ma in via precauzionale di mettermi in quarantena.

Ho preso il volo Easy Jet del 24 alle ore 15 da Malpensa e sono partito: nessun blocco nessuna strada chiusa nessun controllo all’aeroporto. Come sono arrivato ho contattato i vigili, non sapendo qual era la situazione. Mi è stato riferito che, essendo stato a contatto a casa da mio fratello, dovevo stare in un periodo di quarantena anche se non ho avuto nessun contatto con lui. Ho allora chiamato i vigili, gli unici ad avermi risposto: a loro ho raccontato tutto.

Ho poi informato il dott Turco, che si è messo subito a disposizione contattando tutti gli organi competenti e confermando la quarantena. Non mi sono più mosso. Durante la notte ho sentito i brividi, ho controllato la febbre e ho informato subito il dott, Turco, il quale ha avviato immediatamente le procedure. Vivo isolato, ma evidente non abbastanza, e spero di avere le spalle forti per sopportare tutta la cattiveria che sapete esprimere. Scatenatevi dai, potete qui dire e giudicare tutti.

Voi avreste fatto ciò che ho fatto io: queste erano le direttive. Spero solo che adesso ho saziato la vostra immonda curiosità, visto che io di ufficiale sono in attesa del secondo tampone. Ora potete pure sfogarvi!».

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Avetrana, firmato il Patto per la sicurezza urbana

Il Comune partecipa al bando ministeriale per realizzare un impianto di videosorveglianza Prevenzione alle forme …