martedì 30 Novembre, 2021 - 22:03:22

Cujùni nui o Cujùni loru?

orgoglio maruggeseDiversi anni fa il Quotidiano di Taranto, nella convinzione di far divertire i suoi lettori, si prese la briga di pubblicare un brano in cui veniva riportato: “quelli di Maruggio… coglioni”. Non demolì di sicuro il nostro orgoglio di essere maruggesi. Qualche anno dopo il cavaliere Berlusconi ebbe a dire più o meno: “I comunisti sono coglioni”. Poco più tardi il comico Beppe il Grillo rilanciò il suo “Vaffanculo” quasi a voler pronunciare che sono/siamo tutti coglioni. Insomma: Italiani non più brava gente ma coglioni. No, cari miei. Diamo a Cesare quel che è di Cesare, diamo a Berlusconi quel che è di Berlusconi, a Beppe quel che è di Beppe. Diamo, anzi restituiamo, ai maruggesi quel che è dei maruggesi: i coglioni. I coglioni sono nostri e non si toccano. Anzi. Mettiamo le cose in chiaro: noi maruggesi siamo nati con i coglioni e non da coglioni.

Antonio Molendini (in arte Amo), infatti, in risposta ai sostenitori de’ li cujùni ti Maruggiu, pubblicò La vera Štoria ti lu pirceni ni chiamunu cujùni (traduzione: perché ci chiamano coglioni), che qui riproponiamo per dare una risposta ai “cattivi” mentitori.

La vera Štoria

Quèšta è la vera štoria.

La štòria vera ti lu pircèni

si tici li cujùni ti Maruggiu.

Vi l’àggià tittu a prosa,

e mmo’ v’lu ticu pùru a puisìa

lu fattu comu scìu.

Nònnuma cuntava

ca nn’ànnu ti motu tièmpu fa

nci fuèi nna pitimìa,

ca malatìa èti ca zzìcca moti,

comu ca succèti cu lla ‘nfluènza,

ca parti ti nna vànda e puei camìna,

e còmu si tici: cinca ccàppa rràppa.

A quedda pitimìa ccappàra

li paìsi luntàni ti lu mari

ca turnu turnu štàunu a Maruggiu:

Sava, Manduria, Ascianu,

Turicedda, l’Aitrana

e Munacizzu puru.

La pitimìa

li màsculi ti šti paìsi

pi ccujùni zziccòu, e nc’ li siccòu.

Li Maruggisi noni.

No’nc’èra, tandu,

quasi pi ttùttu la miticìna ggiùšta

com’èti moni,

e a nnanzi si scìa a tintatìvi,

cu catapràsimi e ticòtti,

anguènt’e copp’a vvièntu,

e no’nc’èra mòtu cu ss’àcchia lu rrimètiu,

ca rimanìa tuttu ppìsu e rrimuddàtu.

Passàva lu tièmpu

e rrimètiu no’ ss’acchiàva.

Sapìmu comu èti ca succèti

pi li siggènzi ca tèni la natura:

ca pi nnu picca si pònnu mantinìri.

Mma quandu puèi si passa

ti appitìt’a fàmi,

ti sècc’a ‘rsura,

e di nnu picca ti suènnu a suènnu chìnu,

ci no’ pruvvìti succètunu li uwài,

ca la natùra spèngi.

Passàtu bbuènu tièmpu

alli fèmmini zziccòu lu prutimièntu,

e pi nnu picca crattàra.

Mma quàndu la natùra zziccòu a rriclamàri

e ażżou la voci,

cchiu’ li fèmmini no’ ffèggi raggiunàri.

A nn’òtra, tissi una, ch’èra saputu

ca la pitimìa a Maruggiu no’nc’èra štata,

e cca ci era veru,

siccòmu motu li prutìa,

t’li Maruggìsi

era tispošta cu s’la facìa crattàri.

Si muvìu,

andòu e acchiòu;

e ssiccòmu bbona ti cori puru èra,

spandìu la voci,

ca pi ccinca nni vulia

a Maruggiu nc’èrunu cujùni,

e ca li cujùni ti Maruggiu èrunu bbuèni.

Quèsta cristiàni mia èti la storia

ti la nòmina ca Marùggiu si pijòu,

e lu paìsi ti li cujùni ddivintòu.

IL GRAFFIO2

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

EROI E SUPER EROI “MADE IN TARANTO” PER I DELFINI

Il famoso Sal Velluto ha donato una sua tavola originale dedicata a Taranto alla Jonian …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.