mercoledì 03 Giugno, 2020 - 16:48:34

Dieta per non ingrassare in quarantena, i consigli della nutrizionista


Di seguito alcuni consigli utili per migliorare il nostro umore e la nostra forma fisica a firma della dottoressa Antonella Friscini, biologa genetista esperta in nutrizione che svolge la sua attività a Maruggio (Taranto) presso il Centro di Medicina Biologica “LoRu”

Purtroppo, in tempi di quarantena il rischio di perdere la forma fisica, in alcuni casi conquistata in seguito a settimane o mesi di sacrifici, è molto elevato.
Le norme imposte dal governo per limitare il contagio stanno stravolgendo le nostre abitudini, ma soprattutto non ci consentono di praticare attività fisica come e quanto vorremmo. In casa, lo smart working e la vicinanza al frigorifero sono due fattori deleteri, in grado di mettere in crisi anche i fisici più tonici e definiti. Ma in che modo limitare le cattive abitudini e cercare di non ingrassare in quarantena?
I consigli utili a lenire l’ansia e lo stress derivanti dalle notizie che continuano a rincorrersi, relative ai numeri e alle modalità del contagio, sentimenti questi che rischiano di innescare un brutto circolo vizioso, pericoloso sia per il giro vita che per la salute in generale.

Proviamo con qualche suggerimento a migliorare il nostro umore e la nostra forma fisica.

1- Porzioni adeguate e bando alle esagerazioni
Per non ingrassare in quarantena è necessario portare in tavola soltanto quello che si è deciso di mangiare. Porzioni “giuste”, quindi, e bando a eccessi di ogni tipo. Vale la pena, inoltre, ridurre il consumo di zuccheri semplici e bevande gassate, nonché evitare l’abuso di sale e condimenti ricchi di grassi. Per non sovraccaricare l’organismo già provato dalla sedentarietà è molto importante evitare anche gli insaccati e i grassi animali e non esagerare con i carboidrati.

2- Abbondare con frutta e verdura
La frutta e la verdura non devono mai mancare in tavola, soprattutto in un periodo come questo. Durante la stagione invernale, batteri e virus di ogni tipo sono continuamente presenti, pertanto conviene aumentare le proprie difese immunitarie facendo ricorso a vitamine, minerali e antiossidanti come quelli contenuti nella frutta e nella verdura, in assoluto i migliori alleati del nostro organismo. Il consiglio è di consumare almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, prediligendo quelle ad alto tenore vitaminico (soprattutto la vitamina A e la vitamina C), in grado di proteggere adeguatamente le vie respiratorie. Gli alimenti che ne contengono di più? Agrumi, ananas, kiwi, fragole, ciliegie, lattuga, radicchio, spinaci, broccoli, cavolfiore, melone, pesche, albicocche, mango, papaia, anguria e peperoni. Inoltre, per favorire la sintesi della vitamina D, il consiglio è di esporsi al sole per almeno venti minuti al giorno (tempo permettendo).

3- Vietato trascurare l’attività fisica
Chi possiede un giardino o un’abitazione abbastanza grande è certamente avvantaggiato, ma anche chi vive in un piccolo appartamento dovrebbe tentare di tenersi allenato o quantomeno fare un po’ di movimento. Una buona idea sarebbe quella di acquistare una cyclette o un tapis roulant; in alternativa, è possibile dedicarsi alla ginnastica a corpo libero, allo yoga o ad altre discipline da svolgere comodamente tra le mura domestiche. Chi possiede un bilanciere o qualche manubrio può cercare un circuito di allenamento interessante sul web e sperimentarlo a casa. Ne beneficeranno muscoli ed articolazioni, ma anche l’umore!

4- Evitare di mangiare frettolosamente
Il segreto per restare in forma e limitare i danni provocati dall’inattività è evitare di mangiare di fretta e assaggiare i cibi durante la loro preparazione. Il tempo a disposizione non manca affatto, quindi vale la pena apparecchiare la tavola, dedicarsi di più alla convivialità e favorire l’aggregazione.

5- Fare più pasti al giorno
Per mantenersi in forma è necessario optare per alimenti leggeri, sani e nutrienti, da suddividere in almeno 5 pasti al giorno. A colazione è bene non rinunciare a una tazza di tè o di caffè, accompagnata con del latte, una spremuta d’arancia, uno yogurt o qualche fetta biscottata con marmellate e miele. Meglio evitare zucchero e dolci preconfezionati. A metà mattina, invece, è possibile concedersi un piccolo spuntino, magari optando per un po’ di frutta secca (un pugno di mandorle, noci, semi di zucca o anacardi andrà più che bene, in virtù del loro elevato apporto vitaminico e proteico). A pranzo, è importante sapersi porre un limite e scegliere soltanto un primo e un contorno; quest’ultimo possibilmente a base di verdure. Durante il pomeriggio, all’ora della merenda, l’ideale sarebbe optare per una bevanda calda (un tè o una tisana) e un frutto. Ai più golosi è concesso persino un pezzetto di cioccolato fondente, ma senza esagerare ovviamente! Attenzione alla cena: l’ultimo pasto della giornata deve prediligere alimenti leggeri e facili da digerire, quali carni bianche, pesce, uova e verdure. Il pane è concesso, ma anche in questo caso senza abbondare; e se possibile, prediligendo quello integrale, ricco di fibre”.

Dottoressa Antonella Friscini

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Anche Taranto e Grottaglie nel Progetto europeo “Raffaello. Gli occhi le mani i versi lo sguardo” in un E-Book curato da Pierfranco Bruni

Studiosi di Taranto e di Grottaglie coinvolti nel Progetto sulle Celebrazioni di Raffaello 500. Sono: …