lunedì 21 Ottobre, 2019 - 3:01:15
Home > La Voce > Locali > Elezioni Comunali Maruggio, presentata una sola lista. “Per Maruggio” corre da sola e rischio commissariamento

Elezioni Comunali Maruggio, presentata una sola lista. “Per Maruggio” corre da sola e rischio commissariamento

 

C’è chi si lamenta della proliferazione delle liste e dei partiti. E chi invece non riesce a trovare candidati aspiranti alla poltrona di sindaco. È accaduto a Maruggio dove, alle elezioni comunali, concorre un solo candidato. Senza alcun avversario. La vittoria non è scontata: per vincere, al Sindaco senza avversari serve comunque il quorum del 50 per cento dei votanti.

Maruggio,  27 aprile 2019 ore 12.01, tempo scaduto. Presentata una sola lista per l’elezione del Sindaco e del Consiglio Comunale. Allo scadere ultimo per la presentazione delle liste per l’elezione del Sindaco che si terrà il prossimo 26 maggio, è stata depositata presso la Segreteria Generale del Comune una sola lista: quella del Sindaco uscente Alfredo Longo denominata “Per Maruggio”.

Ho atteso personalmente in Comune l’arrivo di qualcuno per la presentazione della seconda lista. Speravo davvero che arrivasse, ma così, purtroppo, non è stato. – Ha commentato a caldo il Sindaco Longo.

Cosa succede nei casi come questi? Il Testo Unico delle leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali, affermando che ove sia stata ammessa una sola lista, sono eletti tutti i candidati compresi nella lista, ed il candidato a sindaco collegato, purché il responso delle urne abbia riportato un numero di voti validi non inferiore al 50% dei votanti ed il numero dei votanti non sia stato inferiore al 50% degli elettori iscritti nelle liste elettorali. In sostanza dovranno recarsi alle urne la metà più uno degli aventi diritto al voto. Qualora non siano raggiunte tali percentuali, l’elezione è da ritenersi nulla.

La speranza del quorum del candidato solitario alla poltrona di sindaco

A tal proposito è intervenuto il sindaco Longo in un video pubblicato sul suo profilo social: “Nonostante quanto detto prima, a garanzia di un sano principio democratico, la legge ci mette di fronte ad un potenziale rischio di commissariamento del nostro Comune. In questa situazione non è facile convincere tutti i cittadini ad andare a votare, perché in tanti pensano che non ve ne sia bisogno e che si possa anche evitare di svolgere le elezioni. Invece le elezioni si terranno e per renderle valide dovranno recarsi al voto almeno 2.500 cittadini. Una situazione inaspettata, davvero paradossale che sono certo supereremo con l’aiuto e il sostegno dell’intera comunità”.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fiera Pessima: alcune osservazioni di Coldiretti, Legambiente e Popularia

Legambiente, Coldiretti e Popularia formulano alcune riflessioni sulla gestione della Fiera Pessima, e le inviano …