sabato 18 Maggio, 2024 - 18:31:18

Falda acquifera contaminata, il NOE pone sotto sequestro pozzo artesiano

TARANTO – Sequestrato un pozzo artesiano in località “Palombara” isola amministrativa del comune di Taranto: l’intervento da parte dei carabinieri del N.O.E.  di Lecce impegnati nel campionamento delle acque sotterranee per verificare l’eventuale presenza di sostanze inquinanti.

Il sequestro d’urgenza è giunto dopo che gli agenti hanno accertato che a 60 metri di profondità la falda acquifera risultava contaminata dalla presenza di liquido oleoso di colore scuro presumibilmente contenente idrocarburi, anche se si è ancora in attesa del risultato finale delle analisi.

Il pozzo, situato in un terreno agricolo nei pressi della discarica Vergine, già sequestrata nel 2014 e’ stato affidato in  custodia giudiziale al proprietario, un pensionato del posto che, allo stato delle indagini dirette dal sostituto procuratore dr. Lanfranco marazia, risulta essere assolutamente ignaro della situazione.

 

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Ilva

Emissioni stabilimento “Acciaierie d’Italia spa” di Taranto del 3 gennaio 2024: l’intervento di Arpa Puglia

In relazione agli eventi emissivi di mercoledì 3 gennaio 2024 visibili all’esterno dell’impianto siderurgico di Taranto, segnalati anche dalla cittadinanza e provenienti dall’area a caldo dello stabilimento “Acciaierie d’Italia Spa”, il personale di Arpa Puglia si è recato presso lo stabilimento ed ha acquisito informazioni su quanto occorso presso l’impianto Acciaieria 2, anche ai fini di successive e conseguenti approfondimenti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.