giovedì 20 Gennaio, 2022 - 14:09:15

Fiaccolata a Taranto: migliaia di cittadini in silenzio per le vie della città per ricordare i bimbi morti

Fiaccolata a Taranto: migliaia di cittadini in silenzio per le vie della città per ricordare i bimbi morti
fotogramma “La Ringhiera”

Alcune migliaia di persone hanno partecipato a Taranto alla “Fiaccolata per i nostri Angeli”, iniziativa organizzata dall’associazione dei “Genitori Tarantini” in memoria dei bambini morti di cancro e di tutte le vittime di malattie che si ritengono connesse all’inquinamento.
Il sindaco, nella giornata di ieri, ha proclamato un lutto cittadino simbolico e diversi esercizi commerciali hanno abbassato le saracinesche al passaggio del corteo silenzioso, partito dall’ingresso principale dell’Arsenale. La manifestazione si svolge in occasione del trigesimo di Giorgio Di Ponzio, il 15enne amante delle moto, della pesca e del Taranto Calcio, morto dopo aver lottato per tre anni contro un sarcoma. Presenti anche i genitori di tanti altri bambini deceduti a causa di un tumore, che mostrano i cartelloni con i volti dei propri figli. C’è uno striscione che sintetizza il messaggio dei partecipanti: “Tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”. (ANSA)

Fiaccolata a Taranto: migliaia di cittadini in silenzio per le vie della città per ricordare i bimbi morti
Foto: Anna Rita Lemma
Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C'è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C’è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Abitano il tempo e l’esilio della parola. La cognizione dell’esistere oltre il dolore. C’è sempre …