martedì 27 Febbraio, 2024 - 0:53:26

Folle notte di fuochi e minacce a Manduria: Polizia di Stato arresta 26enne per tentato omicidio

MANDURIA – La Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, su richiesta della Procura di Taranto, a carico di 26enne di Manduria, ritenuto presunto responsabile del reato di tentato omicidio, porto e detenzione abusiva di arma comune da sparo, minacce aggravate, esplosione di fuochi in luogo pubblico, aggravati dal metodo mafioso e dai futili motivi, presunti reati commessi ai danni di un altro giovane di Manduria.

Dalle indagini, condotte dai poliziotti della Squadra Mobile di Taranto e del Commissariato di Manduria, sotto la direzione della Procura di Taranto, sembrerebbe che il giovane abbia esploso 3 colpi di arma da fuoco, due dei quali in direzione del titolare di un bar di Manduria, mancandolo, la notte del 22 dicembre u.s.
Anche grazie all’ausilio delle immagini delle telecamere di videosorveglianze, è stato possibile ricostruire l’accaduto: il 26 enne stava festeggiando il suo compleanno in un locale del centro storico di Manduria, quando un suo amico ha fatto esplodere una batteria di fuochi d’artificio, che sono ricaduti tra gli avventori del dehors di un bar limitrofo.

A seguito delle rimostranze del titolare del bar, ne è nata una discussione con il 26enne che si è allontanato dal locale, non prima di aver minacciato platealmente il proprietario del locale, per poi farvi ritorno subito dopo, armato di pistola.

Dall’esterno del bar, il giovane, dopo aver esploso due colpi di arma da fuoco in direzione del titolare che nel frattempo si era rifugiato nel locale, si è dato alla fuga minacciandolo nuovamente ed intimando ai pochi avventori rimasti di non chiamare la Polizia.

Vista la platealità ed il senso di impunità sotteso alle azioni commesse dal soggetto, contestuali al pubblico e minaccioso invito all’omertà rivolto agli astanti, ed in ragione, anche, del contesto sociale di Manduria, ove insistono frange di criminalità organizzata, l’ordinanza riconosce, altresì, la sussistenza della circostanza aggravante del cosidetto metodo mafioso.

Pertanto, gli atti verranno trasmessi per competenza alla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce.

Si ribadisce che per l’indagato vige il principio della presunzione di innocenza sino a sentenza definitiva.

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

INCONTRO SMI 23 02

Partnership Strategica: Sistema Moda Italia e Confindustria Taranto Uniscono le Forze per Rilanciare il Settore Tessile-Moda

Sistema Moda Italia e Confindustria Taranto assieme per sostenere e rilanciare le aziende del settore. …