domenica 05 Luglio, 2020 - 6:37:01

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello Caracciolo di Sammichele di Bari

 

Struttura di pregevole aspetto, il Castello di Sammichele di Bari risale con ogni probabilità alla dominazione normanna e la sua edificazione nasceva in relazione a ben precise esigenze di natura strategica, con funzioni prevalentemente di osservazione e difesa del territorio circostante. Si trattava ovviamente della tipica torre fortificata normanna che sorgeva sul luogo dove attualmente vi è l’attuale castello, a quanto pare ancora esistente nel XV secolo.

Diverse sono stati i proprietari succedutisi nella proprietà della fortezza nel corso dei secoli. Nel 1504 apparteneva al banchiere genovese Geronimo Centurione, che probabilmente lo aveva acquistato dalla famiglia Acquaviva. Dopo circa un secolo la famiglia Centurione vende la struttura all’ebreo portoghese Don Miguel Vaaz de Andrade, che provvede alla costruzione delle prime abitazioni, intorno alla fortezza e che daranno origine all’attuale paese, che prende nome proprio da lui. Nel 1675 risulta proprietario del castello il Barone Antonio De Ponte che lo ha acquistato da Simone Vaaz , nipote di Miguel, cui succede la famiglia Caracciolo di Vietri dal 1797.

Furono proprio i Duchi Caracciolo ad affidare all’architetto Ascanio Amenduni di Casamassima, nella seconda metà del XIX secolo, alcuni lavori di restauro e ammodernamento che finirono per stravolgere l’assetto della struttura originaria. La facciata principale venne interamente rifatta in bugnato con tre portoni cui corrispondono altrettante bifore al piano nobile, in sostituzione delle originali finestre. Vennero inoltre aggiunte le torri merlate.

Attualmente il castello si presenta a pianta quadrangolare con torri sporgenti a base scarpata e munite di merli sul terrazzo e strette feritoie. Gli ambienti al pian terreno sono in numero di nove e presentano delle volte a crociera. Stesso numero al piano nobile.

Dal 1974 il castello è proprietà del Comune, che ha cercato con interventi di restauro di riportarlo al suo aspetto originario quantomeno all’interno, ed ospita il Museo della Civiltà Contadina Dino Bianco.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

RITROVAMENTI E ANTICHE PRESENZE IN ALCUNE CONTRADE IN AGRO DI MARUGGIO ( VEGLIA, CASTIGNO, OLIVARO, ECC.)

Con una serie di articoli, riassumerò le segnalazioni archeologiche assieme ad alcune note storiche riguardanti …