martedì 18 Giugno, 2019 - 21:55:46
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Latiano

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Latiano

Il Castello o anche Palazzo Baronale Imperiali di Latiano, secondo alcuni storici, risalirebbe al XII secolo ed aveva una precisa funzione difensiva di fortezza. A testimonianza di tale ipotesi abbiamo la certezza che in epoche passate esso era circondato da un fossato. Nel corso dei secoli tuttavia la struttura ha subito diverse modifiche che ne hanno alterato l’originale aspetto, in particolare fu all’incirca verso il 1670 che il castello cominciò ad assumere le sembianze di un palazzo residenziale, ad opera del proprietario e feudatario di Latiano Carlo III Imperiali, appartenente alla famiglia dei Signori di Francavilla Fontana. A tale epoca risale ovviamente anche la trasformazione della facciata principale. Da quanto risulta su alcune epigrafi presenti sul portale, tali modifiche sarebbero terminate con l’ultimo intervento effettuato nel 1724, anno in cui la struttura avrebbe assunto definitivamente il suo aspetto attuale.

Nel 1909 il Comune acquistò il palazzo dall’ultimo discendente della famiglia Imperiali, Guglielmo. La struttura è stata sede degli uffici comunali sino al 1997ed attualmente ospita i locali della Biblioteca Comunale Gilberto de Nitto ed un museo, inoltre al suo interno sono custodite diverse opere pittoriche di pregio, fra le quali anche alcune del pittore Girolamo Cenatiempo da Napoli.

Il palazzo, che si affaccia nella Piazza Umberto I, si presenta a pianta quadrangolare con un cortile centrale, tuttavia le numerose modifiche e trasformazioni operate nei secoli ci impediscono di ipotizzare il suo aspetto originario.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

A Manduria consegnate sei borse di studio “Borsa futuro”

Con il progetto “Borsa futuro” da oltre quindici anni il Gruppo Volontariato Vincenziano Manduria premia …