domenica 16 Giugno, 2019 - 12:36:53
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Loseto

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Loseto

Oggi Loseto è un quartiere periferico di Bari, distante una decina di chilometri dal centro della città, tuttavia in precedenza è stato un borgo a se stante. Le sue origini sembrano risalire al XII secolo ed il suo nome durante il Medioevo era Lusitum. Nel XVI secolo la Duchessa di Bari e Regina di Polonia Bona Sforza lo concesse in feudo al nobile Giosuè de Ruggiero, i cui discendenti ne ereditarono la signoria sino al 1806, anno in cui venne abolito il feudalesimo nel Regno di Napoli.

Il Castello di Loseto, attualmente posto in Piazza de Ruggiero, risale con ogni probabilità all’epoca della dominazione sveva su un preesistente fortilizio di possibile origine normanna, eretto per volere della famiglia Sagarriga Visconti che successivamente lo vendettero ai de Ruggiero.

La struttura si presenta a pianta all’incirca trapezoidale con una corte centrale e, nel corso dei secoli, ha subito diversi interventi che ne hanno alterato l’originaria forma, pur conservandone l’aspetto sobrio ed austero. Sul versante settentrionale si distingue un torrione a pianta quadrangolare sporgente dal perimetro della cinta.

La fortezza è legata ad una leggenda d’amore triste, secondo la quale nel primo decennio del XIX secolo, la più bella fanciulla del borgo sarebbe andata in sposa nientemeno che al fratello del Re di Napoli Gioacchino Murat, cognato dell’Imperatore Napoleone Bonaparte. Tuttavia, ben presto, la ragazza si sarebbe innamorata di un ragazzo suo compaesano, o forse ne era già innamorata, ed avrebbe tradito il marito. Una volta scoperta la tresca, da Napoli venne inviato un reparto di gendarmi che mise a ferro e fuoco l’intero paese, sterminando quasi tutti gli abitanti.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Supersano

Il primo nucleo del Castello di Supersano risale probabilmente all’epoca angioina e fu voluto da …