venerdì 18 Ottobre, 2019 - 16:47:46
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Montesardo

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Montesardo

A causa della sua posizione sopraelevata, Montesardo ha costituito da sempre un interessate punto di osservazione, come testimoniato da ritrovamenti risalenti all’epoca messapica ed a quella romana, quando esso costituiva una postazione strategica per il controllo dei traffici lungo la parte meridionale della Via Traiana. Tale funzione di luogo di osservazione deve essere ugualmente rimasta durante le successive dominazioni bizantina, normanna e sveva.

Situato nella parte più alta del centro storico, il Castello di Montesardo, di cui oggi restano solo le vestigia del nucleo principale, fu edificato secondo alcuni storici dalla famiglia Caracciolo di Marano, mentre secondo altre ipotesi risalirebbe invece al periodo a cavallo fra il XV ed il XVI secolo, relazionandosi così con la signoria della famiglia Orsini – Del Balzo. Nei secoli successivi la struttura subì diversi interventi che ne cambiarono notevolmente l’aspetto.

Nel XIX secolo il castello venne comprato dai Baroni Romasi che lo tennero per più di un secolo circa, mentre durante la Seconda Guerra Mondiale fu occupato da alcuni reparti dell’esercito tedesco che lo adibirono a presidio per lo stazionamento delle forze dislocate nell’area. Durante la ritirata questi provvidero a piazzare diverse mine che successivamente furono fatte esplodere, arrecando notevoli danni alla struttura. Parte delle ricchezze furono tra l’altro prelevate dai Tedeschi ed andarono perdute.

Attualmente il castello appartiene ai Padri Vocazionisti, che lo rilevarono dopo la fine della guerra dai Baroni Romasi e che vi hanno installato all’interno una casa di riposo.

Il nucleo più antico della fortezza ha una pianta quadrata, con quattro torrioni angolari anch’essi quadrati. Perimetralmente alla struttura vi è un recinto, mentre all’interno si sviluppa un cortile, che originariamente costituiva la piazza d’armi, sul quale si affacciano tutti gli ambienti e le sale. Alla struttura si accedeva un tempo attraverso un ponte levatoio in legno, oggi sostituito da una stradina in pietra. Le cortine presentano un parapetto leggermente aggettante ed una decorazione formata da beccatelli.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Necrologio – Gli amici sono vicini al dolore che ha colpito Annalisa Vacca per la perdita della cara mamma

Tutte le parole del mondo non potrebbero colmare il vuoto che hai ora nel petto, …