giovedì 20 Gennaio, 2022 - 14:16:02

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Specchia

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Castello di Specchia
Autore: Antonio Villani

In seguito all’elevata importanza strategica del luogo, sin dal Medioevo Specchia ebbe una fortezza con funzioni di avvistamento e controllo del territorio circostante, ed oltre al suddetto maniero presentava anche una cinta muraria difensiva. Il Castello più antico di Specchia andò distrutto insieme alla cinta muraria del paese durante l’assedio condotto da Giacomo Caldora fra il 1434 ed il 1435, durante la cosiddetta Guerra di Puglia. Tale conflitto si era scatenato in seguito alla disputa per il trono di Napoli fra Angioini ed Aragonesi, dopo la morte della Regina di Napoli Giovanna II d’Angiò. Il Caldora comandava le armate di Luigi III d’Angiò mentre il signore locale, Giovanni Antonio Orsini – Del Balzo Principe di Taranto, Duca di Bari e Conte di Lecce, Soleto e San Pietro in Galatina, era alleato di Alfonso d’Aragona.

Negli ultimi anni del XV e nei primi del XVI secolo il castello venne riedificato ad opera della famiglia Orsini – Del Balzo e successivamente, fra il XVII ed il XVIII secolo, fu oggetto di diverse modifiche ed ammodernamenti su iniziativa dei nuovi proprietari, i Marchesi Protonobilissimo, che lo trasformarono in Palazzo Marchesale. Negli ultimi anni la struttura è stata sottoposta ad interventi di restauro che hanno permesso di conservare l’aspetto di palazzo fortificato ed attualmente viene adibito a location di eventi culturali ma anche mondani quali cerimonie di nozze.

Il Castello, conosciuto anche come Castello Risolo dal nome dei proprietari, si affaccia col versante orientale su Piazza del Popolo. Si presenta a pianta quadrangolare con un ampio cortile interno. La facciata principale disposta su due livelli si caratterizza per una balaustra che la attraversa ed ospita anche il portale da cui si accede al cortile interno, che risulta sormontato dal blasone della famiglia Protonobilissimo e dai busti del Marchese Desiderio Protonobilissimo e della di lui consorte Margherita Trani o Trane. Dalla struttura emergono anche due alte torri a pianta quadrata.

Cosimo Enrico Marseglia

Facebook Comments Box

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C'è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Leonard Cohen e Dante. Alla ricerca di un amore in esilio. C’è sempre un viaggio inascoltato lungo gli argini del tempo che intreccia memorie

Abitano il tempo e l’esilio della parola. La cognizione dell’esistere oltre il dolore. C’è sempre …