venerdì 23 Ottobre, 2020 - 5:26:32

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Baronale o Castello di Fragagnano

Il Palazzo Baronale di Fragagnano è una dimora fortificata risalente all’XV secolo, epoca in cui venne costruita la torre. Alcuni documenti del XVI secolo lo identificano come castello e tale denominazione si è conservata sino ai tempi nostri.

La torre o castello si presenta come una fortezza sobria e solida a pianta quadrangolare e base a scarpa, unita alla dimora residenziale degli antichi feudatari del paese. L’interno della struttura è costituito da un unico ambiente che riceve la luce da due strette finestre poste in alto, mentre un arco centrale separa il tetto ed un camino ricavato sulla parete ovest. Nel sottosuolo della torre sono state rinvenute accidentalmente, durante alcuni lavori, alcune ossa umane forse appartenenti a prigionieri o delinquenti segregati per volere di signori.

In origine una scala esterna di pietra conduceva al piano nobile della dimora residenziale. Questa, disposta perpendicolarmente alla torre, terminava in basso su un ponte levatoio ligneo. Nel corso dei secoli altri corpi di fabbrica sono stati addossati alla torre lungo il versante orientale. Al livello superiore del palazzo vi è una grande cucina con un ampio focolare mentre il pianterreno fu sede di una locanda che includeva anche ambienti di ricovero per gli animali. Sull’ala occidentale campeggia la statua di Sant’Irene, sovrastante il blasone della famiglia Dell’Antoglietta che ebbe Fragagnano in feudo.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …