venerdì 03 Febbraio, 2023 - 23:15:30

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Imperiali-Filotico di Manduria

Fortezze e Castelli di Puglia: Il Palazzo Imperiali-Filotico di Manduria

Una prima struttura fortificata fu eretta a Manduria dopo il 1090 da Ruggero I, figlio di Tancredi de Hauteville, Conte di Puglia, Calabria e Sicilia che, tra l’altro, provvide a ricostruire la città devastata dalle incursioni dei Goti e dei Saraceni, ribattezzandola col nome di Casalnuovo. Tuttavia abbiamo ben poche notizie che possano permetterci di ricostruire la storia e le vicende di questo primo castello medievale.

Fu il Principe di Francavilla Fontana e Signore di Casalnuovo (Manduria conservò questo nome sino al 1789) Michele III Imperiali a disporre la costruzione di un nuovo palazzo residenziale sui resti dell’antico castello normanno. I lavori ebbero inizio nel 1719 sotto la direzione dell’architetto leccese Mauro Manieri (Lecce, 24 marzo 1687 – 1743/1744). Non è noto però il nome di chi progettò il palazzo.

Nel 1738, in seguito alla morte di Michele III Imperiali i lavori relativi al lato meridionale furono interrotti. Michele IV, nipote ed erede del precedente, visse per lo più a Napoli dove morì nel 1782 senza discendenti, così il palazzo fu incamerato dal regio fisco finché nel 1806 venne occupato dalle armate francesi. Successivamente fu nuovamente acquistato dal nuovo Principe di Francavilla e Marchese di Latiano Vincenzo Imperiali, il cui figlio Vincenzo lo vendette alla famiglia Filotico nel 1827. Furono i membri di questa famiglia a completare la struttura e a commissionare alcune decorazioni. Nel XIX secolo fu realizzato il loggiato sorretto da arcate che è possibile ammirare sul versante settentrionale. La struttura è ancora in massima parte proprietà della famiglia Filotico, benché nell’ultimo dopoguerra ci siano state divisioni fra gli eredi.

Il palazzo, tipicamente barocco benché diverso da quello leccese, si presenta a pianta quadrata ed isolato su tutti i lati. Maestosa è la facciata principale, sviluppata su tre corpi, che si affaccia in Piazza Giuseppe Garibaldi ed è caratterizzata dalla lunga balconata a petto d’oca in ferro in stile rococò, e da un imponente portale fra due colonne di ordine toscano. Agli angoli campeggiano due scudi con le armi dei signori. Dal portone si entra in un grande atrio centrale che sul lato opposto all’ingresso principale ospita le scuderie, dalle quali è possibile accedere alla strada retrostante. Nel cortile è possibile ammirare il monumentale scalone barocco a doppia rampa, che conduce ad un portale d’ingresso, attraverso il quale è possibile accedere sia al salone principale, e da qui ancora agli altri ambienti del primo piano, sia alle scale dirette al secondo piano.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Facebook Comments Box

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

Il tragico e la bellezza o del dialogo fra Bruni e la letteratura della plurinfelice …