venerdì 30 Ottobre, 2020 - 11:46:04

Fortezze e Castelli di Puglia: La Torre della scomparsa Montecorvino

Montecorvino era una città sorta intorno al 1051 per volere dei Bizantini, e rientrava in un progetto difensivo diretto alla creazione di alcune città di frontiera, che includeva anche altri centri quali Fiorentino, Dragonara, Troia, al confine con i territori controllati dai Longobardi. In epoca normanna fu anche sede vescovile e fra i suoi vescovi si ricorda il normanno Alberto.

Nel 1137 Montecorvino venne attaccata e distrutta dal Re di Sicilia Ruggero II de Hauteville. Ricostruita venne nuovamente abbattuta durante le guerre fra angioini ed aragonesi ed, infine, nel 1452 un terremoto completò l’opera. Della città restano oggi alcuni frammenti di mura della Chiesa di Sant’Alberto, tre delle cinque porte di ingresso alla città e tracce della cinta muraria, alcuni vicoli ed una parte della torre quadrangolare.

I resti della alta torre andata distrutta nel 1137 svettano sulla cima di una collina. Resta in piedi la parete settentrionale e parte di quelle adiacenti e, per effetto dell’erosione e del tempo, ha assunto una strana forma, al punto da essere ribattezzata come la Sedia del Diavolo. Intorno alla struttura, in origine di forma quadrangolare, i resti di fortificazioni che probabilmente facevano parte di un unico sistema difensivo.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

La Polizia di Taranto salva un 15enne vittima di bullismo, voleva suicidarsi

I poliziotti della Sala Operativa di Taranto, hanno ricevuto l’accorata telefonata di una giovanissima ragazza, …