sabato 08 Agosto, 2020 - 16:04:16

Fortezze e Castelli di Puglia: Le strutture difensive nel territorio di Statte

Nel territorio di Statte, un tempo frazione di Taranto ma attualmente comune a se, esistono alcune strutture fortificate di interesse storico e militare, che andremo ad analizzare in rapida successione.

Il Castello Spagnolo (nella foto), risale alla fine del 1400, e venne edificato con la precisa funzione strategica di tenere sotto controllo il porto di Taranto, all’epoca dell’ascesa sul trono napoletano della dinastia spagnola. Già all’epoca dell’Impero Romano il sito era stato scelto per l’approntamento di fortilizi militari per via della sua ideale posizione. Il nome della struttura, che in realtà era una masseria fortificata, è probabilmente riferita al primo proprietario, un cavaliere iberico di nome Fabiano De La Torre. Nel corso dei secoli diverse famiglie si susseguirono nella proprietà del castello, adibito prevalentemente a residenza di campagna, e che sul versante posteriore si affacciava su un ampio giardino. Nel XIX secolo vennero effettuati alcuni lavori che modificarono l’assetto della struttura, rendendola simile ad un castello medievale, con tanto di merlatura ghibellina in alto. Accanto al corpo principale vi è una cappella con un campanile a torretta.

Oggi il Castello Spagnolo è adibito a sala ricevimenti ed è utilizzato come location per matrimoni, cresime e cerimonie in genere.

La Masseria fortificata Todisco fu costruita nel XVI secolo e si caratterizza per la presenza di strutture difensive quali guardiole, merlature sulle cortine e sul corpo principale, nonché torri per il controllo e l’avvistamento. Le funzioni difensive sono confermate dal fatto che essa sorge sul bordo di una gravina. Nel XIX secolo, sotto la proprietà dei Conti D’Ayala – Valva, subì alcuni interventi che ne modificarono l’aspetto.

All’interno della struttura, di rilevante interesse è un frantoio ipogeo, completo di due macine ed un dispositivo di torchi, ed una serie di ambienti un tempo adibiti a deposito di olive, stalle o alloggio del personale.

La Masseria fortificata Sava è un’altra struttura fortificata presente nel territorio di Statte. Munita di cinta muraria, è possibile accedere al suo interno attraverso un portale. Al lato della struttura si erge una cappella con campanile a vela, che però versa in pessime condizioni. Al centro della struttura si trova il corpo di fabbrica principale, munito, quali elementi difensivi, di garitte, mentre intorno si sviluppano altri corpi più sobri, una volta adibiti a stalle e depositi, a cui si aggiungeva una neviera per la raccolta e la conservazione della neve.

Cosimo Enrico Marseglia

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Fortezze e Castelli di Puglia: Palazzo Baronale Granafei a Sternatia

Palazzo Granafei di Sternatia, dal nome dell’omonima famiglia feudataria a partire dal 1733, sorge sui …