giovedì 22 Ottobre, 2020 - 8:02:39

Fortezze e Castelli di Puglia: Palazzo Baronale Granafei a Sternatia

Palazzo Granafei di Sternatia, dal nome dell’omonima famiglia feudataria a partire dal 1733, sorge sui resti di una precedente fortezza. Con ogni probabilità il primissimo nucleo era un fortilizio risalente all’epoca bizantina e successivamente passato di mano e riadattato nel corso delle varie dominazioni succedutesi. L’ultimo riadattamento risale all’età aragonese e di tale antico castello rimangono oggi i resti del portale in stile durazzesco, annessi ad un’abitazione privata.

Durante la campagna per la liberazione di Otranto, caduta in mano turca nel 1480, la fortezza ospitò il quartier generale dell’esercito napoletano, agli ordini del Duca di Calabria Alfonso d’Aragona, e delle milizie al comando del Conte di Conversano Giulio Antonio Acquaviva. Sempre da qui partì la spedizione che liberò la città nel 1481.

Nel 1593 il castello ed il feudo furono proprietà della famiglia Personé e cinque anni più tardi passarono ai Cicala. Fu nella prima metà del XVIII secolo che, su disposizione della famiglia Granafei, l’antica fortezza venne demolita ed al suo posto costruito il Palazzo Baronale, sembra ad opera del celebre architetto Mauro Manieri da Lecce. L’attuale aspetto, tuttavia, è dovuto ad un successivo intervento effettuato nel XIX secolo.

L’imponente struttura si presenta a pianta quadrangolare, con un ampio cortile centrale della medesima forma, e si sviluppa su tre livelli: pianterreno, i cui ambienti erano adibiti a scuderie, piano nobile e secondo piano. Il prospetto principale presenta un sontuoso portale sovrastato dalle armi della famiglia Granafei e da una lunga balaustra che si sviluppa per tutta la facciata. Più sobrio è invece il versante posteriore, totalmente privo di decorazioni e con la base a scarpa. Le sale del piano nobile recano affreschi rococò a motivi mitologici, ed ospitano alcune opere pittoriche di valore.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Cosimo Enrico Marseglia

Cosimo Enrico Marseglia
Nato a Lecce, città in cui vive. Ha frequentato i corsi regolari dell’Accademia Militare dell’Esercito Italiano in Modena e della Scuola di Applicazione dell’Arma TRAMAT presso la cittadella militare Cecchignola in Roma, ed ha prestato servizio come ufficiale dell’Esercito presso il 3° Battaglione Logistico di Manovra in Milano, il Distretto Militare di Lecce ed il Battaglione Logistico della Brigata Pinerolo in Bari. Dopo otto anni in servizio permanente effettivo, ha lasciato la carriera militare, dedicandosi alla musica jazz ed al teatro. Attualmente collabora con il Dipartimento di Studi Storici dell’Università del Salento, come esperto di Storia Militare, e dal 2009 è ufficiale commissario del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. Scrive per L’Autiere, organo ufficiale dell’ANAI (Associazione Nazionale Autieri d’Italia), Sallentina Tellus (Rivista dell’Ordine del Santo Sepolcro), per L’Idomeneo (Rivista dell’Associazione di Storia Patria) e per altre testate. Ha già pubblicato Les Enfants de la Patrie. La Rivoluzione Francese ed il Primo Impero vissuti sui campi di battaglia (2007), Il Flagello Militare. L’Arte della Guerra in Giovan Battista Martena, artigliere del XVII secolo (2009), Battaglie e fatti d’arme in Puglia. La regione come teatro di scontro dall’antichità all’età contemporanea (2011), Devoto ad Ippocrate. Rodolfo Foscarini ufficiale medico C.R.I. fra ricerca e grande guerra (2015), Marseglia. Storia di una famiglia attraverso i secoli (2016) per la Edit Santoro, e Attacco a Maruggio. 13 giugno 1637. Cronaca di una giornata di pirateria turca nel contesto politico-sociale europeo (2010) per la Apulus, quest’ultimo insieme al Dott. Tonino Filomena

Leggi anche

Covid: festa con 400 persone, chiuso locale a Nardò

Durante un controllo volto a verificare il rispetto delle norme anti covid, venerdì sera  a …