giovedì 12 Dicembre, 2019 - 6:15:44
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Fortezze e Castelli di Puglia: Palazzo De Mari di Acquaviva delle Fonti

Fortezze e Castelli di Puglia: Palazzo De Mari di Acquaviva delle Fonti

 

Il castello di Acquaviva delle Fonti risale all’epoca normanna e precisamente al XII secolo. Oggi di esso resta la planimetria a pianta quadrangolare irregolare con torri agli angoli e cinta muraria fra loro. Con molta probabilità furono aggiunti nuovi corpi di fabbrica residenziali durante la prima metà del XIII secolo, mentre una scala consentiva l’accesso dal cortile interno al piano nobile sull’ala nord, attraverso un portale successivamente trasformato in finestra.

Sotto la dominazione angioina vennero effettuati ulteriori lavori di rinforzo, mentre alcuni scavi archeologici hanno rilevato la presenza di una torre poligonale ed un muro scarpato forse risalenti al XV secolo.

Divenuta proprietaria del castello la famiglia Acquaviva d’Aragona ha inizio la trasformazione dello stesso in residenza signorile, cosa che continuerà con i successivi proprietari: la famiglia De Mari che nel 1664 acquista il Principato di Acquaviva delle Fonti. Nuovi ambienti vengono edificati mentre nel cortile viene demolita la torre ottagonale, ed un’ulteriore trasformazione porta alla creazione del loggiato su cui è riportato lo scudo con le armi di famiglia.

Recenti lavori di restauro condotti sull’ala settentrionale del palazzo, hanno portato alla scoperta di splendidi ambienti e vestigia relative al vecchio castello, oltre ad un affresco di Madonna con Bambino e Santi, celato dietro un muro.

Cosimo Enrico Marseglia

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Ritorno a Sud: la gioia del presepe

Il giorno dell’Immacolata, a casa mia, facevamo il presepe. Era un rito domestico di edilizia …