giovedì 15 novembre, 2018 - 21:54:41
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Galatina, un ponte diventa un’opera d’arte di “street art”

Galatina, un ponte diventa un’opera d’arte di “street art”

Un tipico paesaggio della campagna salentina e il volto di una giovane donna, sovrapposto in stile optical, che guarda oltre il muro con uno sguardo rivolto al futuro. E’ quanto ha realizzato lo street artist ‘Checkos’Art’, originario di Lecce, che per Anas ha dipinto le pareti sottostanti il ponte al km 16,700 della strada statale 101 a Galatina, in località Collemeto. Il murales, finanziato da Anas e realizzato da Checkos’Art, con la direzione artistica di ‘167bstreet’ in collaborazione con il Comune di Galatina, è stato eseguito nell’ambito di un progetto più ampio di Anas in molte regioni. “Anas – afferma il responsabile Marketing & Servizio Clienti dell’azienda, Claudio Arcovito – ha intrapreso un percorso che utilizza la street art come strumento per coadiuvare la strategia di investimento nella manutenzione e valorizzazione delle proprie infrastrutture e, in casi come questo di Collemeto, anche per proteggerle da vandalismo e degrado“.

Abbiamo ritenuto di individuare la vita nei campi e, quindi, il nostro paesaggio come l’immagine che possa rappresentare al meglio l’identità della comunità collemetese” –  sottolinea l’assessore alla Cultura di Galatina, Cristina Dettù, evidenziando che – “c’è anche l’immagine del futuro, di quei giovani che non smettono di guardare al domani investendo nella propria terra d’origine“.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La scomparsa di un Grande Amico, buon viaggio Giro Melis

Ho appreso poco fa’ della scomparsa improvvisa di una persona a me cara, Girolamo Melis, …