venerdì 01 Marzo, 2024 - 21:25:31

Gigi Riva. Dietro quel numero 11 che nessuno potrà dimenticare il campione di una vita

gigi riva
gigi riva

Non è soltanto un mito che se ne va. È il Mito che resta. Perché la vita è un attraversare epoche e generazioni. Gigi Riva resterà il Mito oltre una generazione perchè ha rappresentato la bellezza del calcio di un tempo e rappresenterà l’uomo nel campione e il campione nell’uomo. È legato al mio tempo piccolo, ovvero agli anni della mia era di ragazzo, di bimbo, di giovinetto.

L’uomo della coerenza. Il campione della coerenza. La sua Cagliari portata allo scudetto nel 1970. Lo stesso anno delle albe in Messico con una Italia Germania da cardiopalma, ancora nei miei occhi e nel cuore con i miei 15 anni, una finalissima con Italia Brasile che venne ricordata come la partita della mancata “staffetta” tra Mazzola e Rivera.

Una icona. Dunque Gigi Riva. Fu l’isola del calcio degli anni Sessanta e ancora oggi rimane tale. Non solo per la sua Sardegna che amò con tutto il suo essere, lui di nascita lombarda. Portò la Sardegna ad essere Campione d’Italia in una griglia simbolica che restituì all’intero Sud il primo sogno calcistico. Il Cagliari di Riva era la merafora del Sud.

Il 1970 fu il Sud tutto a vincere lo scudetto. Che emozione io noi ragazzi a rincorrere quel numero 11 sulla maglietta fatto cucire dalle nostre mamme. Tutti in nome suo ci sentivamo attaccanti. Un sogno che fu realtà. Era il tempo del bianco e nero.

E già, una memoria che è impressa nel diario di una esistenza. In quel rosa della “Gazzetta” fu il protagonista di una generazione. Poi lo vidi con i Ray-Ban scuri. Guardava il mare. Quel mare sardo e ogni onda si arrotolata da diventare in cerchio nella ragnatela della battigia.

Un campione. Certamente. Un calciatore unico. Sicuramente. Un goleador. Senza dubbio. Quello scudetto cucito sul rosso e blu significava tanto. Quell’azzurro della Nazionale testimoniata sul petto e sulle spalle una idea di rigoglioso orgoglio per una squadra che considerava il calcio una testimonianza identitaria.

Gigi Riva e la sua coerenza sono ancora uno specchio. Il pallone rotola ancora tra un lancio da metà campo e una semi rovesciata. Un urlo. Gol! Ricorderò sempre quel volto e quel piede sinistro. Quella maglietta che portava quel numero che nessuno di noi potrà dimenticare. Oltre un calcio al pallone c’è una generazione… In fondo dietro quel numero 11 che nessuno potrà dimenticare vivrà sempre il campione di una vita.

Pierfranco Bruni

 

Facebook Comments Box

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura. Presidente Commissione Conferimento del titolo “Capitale italiana del Libro 2024“, con decreto del Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano del 28 Novembre 2023.

Leggi anche

Comune Manduria

La Città di Manduria aderisce ad “Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie”.

La Città di Manduria aderisce ad “Avviso Pubblico” un’associazione di Enti locali e Regioni per …