martedì 19 Febbraio, 2019 - 19:49:46
Home > Rubriche > Il Punto > Gli immigrati e la nostra debolezza. Il sud è stanco. Non siamo una Casbah di Pierfranco Bruni

Gli immigrati e la nostra debolezza. Il sud è stanco. Non siamo una Casbah di Pierfranco Bruni

Downloader-1Il Sud non è una geografia che muore. Il Sud è sempre un Mediterraneo che sa ascoltare sa osservare sa vivere la distinzione. È un popolo di migranti e di immigrati. È una civiltà che ha radici tra i mari e i viaggi dei briganti e dei pirati. Un popolo barbaro e terribile come può essere la bellezza e la passione. Un popolo che ha dato il destino alla identità dell’Italia. Incrocio tra Adriatici e Tirreni nel cuore e nell’anima mediterranea. Pitagora ha segnato i viaggi decifrando i numeri di una metafisica del tempo della storia dell’anima.
Un popolo che ha saputo accettare e subire gli Stati invasori e invasivi. E ha saputo raccogliere le memorie dei greci e dei romani dopo essersi impadronito del mondo arabo bizantino e colombiano.
Il Sud è un popolo che va oltre il silenzio perché ha una profonda devozione e religiosità.
Se Pitagora ha raccontato i numeri, San Paolo ha attraversato le genti di Calabria prima di toccate le vie di Roma. Ma questo Sud ora è stanco. Non crede alle rivoluzioni. Vive nella malinconia. Vede passare altri popoli tra i porti le città e i paesi. Ha sempre avuto il dono della accoglienza perché è rimasto fedele ad una civiltà dell’amore.
Ma se è stato un popolo di nobiltà nascoste non può continuare a raccogliere la negligenza di uno Stato inefficiente.
Il Mediterraneo non si salva accogliendo profughi fuggiaschi immigranti esiliati. No, non è così che si creano le ragioni storiche tra l’Europa, l’Italia e il Mediterraneo nel bacino di ciò che è stato il Regno delle Due Sicilie. Attenzione. Se dobbiamo accogliere il Mediterraneo nella civiltà della tolleranza e della condivisione dobbiamo essere profondamente una Nazione mediterranea con una forte influenza politica in Europa.
Non facciamo la rivoluzione ma siamo stanchi. La Francia non può, insieme ai Tedeschi, Inglesi, e Statunitensi, invadere Libia e aiutare colpi si Stato nelle brutte Primavere Arabe e poi isolare l’Italia a custode e cuscinetto delle macerie del Mediterraneo.
Senza un Progetto Mediterraneo che ponga al centro l’Italia e il Sud non sarà possibile una politica sulla immigrazione. Dobbiamo pur trovare una Ragione politica. L’Italia è Mediterraneo. Nel Mediterraneo va costruita una Ragione della reciprocità. I continui sbarchi di immigrati sulle coste del Sud ci rendono fragili. Ma non è questione di essere umanitari o meno.
Si deve essere umanitari e accoglienti se c’è un progetto politico e il progetto politico non c’è. Siamo una Nazione non una Casbah.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Guardia di Finanza: interventi di contrasto di ecoreati a tutela dell’ambiente

Nei giorni  scorsi, il Comando Regionale Puglia della Guardia di Finanza ha disposto l’effettuazione di …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.