mercoledì 25 Novembre, 2020 - 16:57:05

Gli ulivi sono persone. Di Marcello Veneziani


Estendete i diritti umani agli ulivi. Perché in Puglia, ad esempio, gli ulivi sono persone, figure viventi, corpi che esprimono gesti, muscoli e braccia protese verso il cielo; respirano con il vento, abbracciano e nutrono, soffrono alle mutilazioni e agli espianti, godono se restano a casa, tra i loro familiari, nella terra loro. E danno rami di pace, frutti nutrienti che sanguinano oro lucente. Non hanno la parola ma a differenza degli uomini, gli ulivi hanno più storia incisa nei loro corpi, non negano nulla del loro passato.


Uno scultore sapiente che si fa chiamare Natura li ha scolpiti in movimento, sembrano figure disegnate da Balla, Boccioni, ma non hanno nulla di futurismo. Sono figure originarie, antiche, Natura in movimento, sagome che s’intrecciano, si prodigano a soccorrersi l’un l’altro, raccontano vite contorte alla luce del sole, col vento in faccia che sibila tra le chiome. Poi venne la Xylella a trasformare quei campi in camposanti, tra ulivi morti come nell’inferno dantesco, nella selva di Pier delle Vigne… Eppure è umano credere alla resurrezione degli ulivi.

Pagina Facebook di Marcello Veneziani

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Bollettino epidemiologico Regione Puglia del 19 novembre 2020

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento …