venerdì 19 Luglio, 2024 - 23:20:59

Grave carenza di organico nella Polizia di Stato, SAP di Taranto invia un nota – denucia agli on. Giovanni Maiorano e Dario Iaia

La Segreteria Provinciale del SAP – Sindacato Autonomo di Polizia – di Taranto nella persona del segretario Pasquale Magazzino, ha inviato una nota agli onorevoli Giovanni Maiorano e Dario Iaia per denunciare le gravi carenze di organico nella Polizia di Stato in Puglia e nella provincia di Taranto.

Inviata nota agli illustri onorevoli Maiorano Giovanni e Iaia Dario per denunciare le gravi carenze di organici nella Polizia di Stato in Puglia e nella nostra provincia di Taranto. Tale condizione sta creando seri problemi di gestione del sistema sicurezza con grave rischio per la tranquillità dei cittadini. Diventa sempre più difficile coprire i turni di “volante” per il controllo del territorio e Divisioni strategiche come “Anticrimine” e la polizia “Amministrativa” sono in ginocchio, con colleghi oberati di lavoro sui quali vengono scaricate le inefficienze dell’Amministrazione. Oramai anche servizi quali la gestione delle incombenze legate alle attività del centralino della prefettura/questura sono diventate ingestibili per la mancanza di operatori. Le Specialità tutte sono in forte carenza di organici. I Commissariati di P.S. al collasso. L’ufficio “Immigrazione” sommerso di pratiche con colleghi oramai impiegati in turni stressanti e per svariate ore di servizio. L’Ufficio del “Personale” inondato di pratiche e di burocrazia. Anni di errori nella gestione dell’apparato della sicurezza hanno determinato frustrazioni tra i poliziotti che, a causa del blocco del turnover causato dalla legge “Madia”, si ritrovano ad essere in gran parte
degli ultra cinquantenni. Gli organici della Polizia di Stato sono carenti di circa 10.000 unità e nei prossimi tre anni sono previsti circa 12.000 pensionamenti per raggiunti limiti di età. Oggi gli operatori di Polizia non sono messi nella condizione di poter servire il Paese al meglio. Il nostro è un grido di allarme.

La nota

 

llustrissimi Onorevoli,
Maiorano Giovanni e Iaia Dario

Nel piano di assegnazione del personale della Polizia di Stato per il mese di giugno 2023, per la provincia di Taranto, predisposto dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza, abbiamo avuto modo di verificare l’inconsistenza dei rinforzi e la nostra più totale delusione.
Nell’anno in corso sono previste fuoriuscite per pensionamenti di operatori di polizia per circa 51 unità e nei prossimi anni sarà sempre peggio. Negli ultimi concorsi per Vice Sovrintendenti molti colleghi sono stati costretti a rinunciare al nuovo ruolo per evitare di essere trasferiti ad altra sede, altri accettato con trasferimento in altre città lontano dalle famiglie. Poliziotti oramai in gran parte cinquantenni, professionisti della sicurezza, costretti a cambiare radicalmente la loro vita, lasciando una provincia come quella di Taranto in grave sofferenza di organici.
Nei giorni scorsi si sono concluse le procedure di definizione della graduatoria per il concorso interno per la promozione alla qualifica di Vice Ispettore della Polizia di Stato, avviato nel 2020, con una previsione di 1141 posti.

I vincitori del concorso, appartenenti ai ruoli degli agenti/assistenti/sovrintendenti, hanno dovuto affrontare prove selettive molto severe, per poi superare un corso di formazione altamente qualificato. Per queste ragioni, non è fuori luogo affermare che questi poliziotti sono tra i migliori, nei loro rispettivi ruoli e qualifiche e hanno capacità operative altamente professionali.
L’ispettore è una figura cardine dell’assetto organizzativo della Polizia di Stato, svolgendo funzioni fondamentali di comando di squadre investigative, di addestramento, di gestione delle più delicate attività di controllo del territorio e di polizia amministrativa. L’assegnazione dei neopromossi Vice Ispettore alle sedi definitive, ha penalizzato significativamente la nostra Regione e la stessa provincia. Solo 4 posti per l’intera provincia
di Taranto.

Orbene, i vincitori del concorso in Puglia sono ben 170 e circa 100 saranno trasferiti con assegnazioni in altre regioni, andando così ad appesantire i già gravissimi problemi di organico che attanagliano tutta la Puglia, con buona pace dei proclami di rafforzamento. Nella provincia di Taranto ci sono stati 12 vincitori e solo in 4 resteranno in sede.

Per tutte queste ragioni, confidando nell’attenzione che Le S.V. hanno sempre riservato alle problematiche del nostro territorio ed ai problemi connessi alla sicurezza dei nostri concittadini, siamo a chiederVi un autorevole intervento, in tutte le sedi istituzionali di riferimento, al fine di indurre il Ministero dell’Interno e il Dipartimento della Pubblica Sicurezza a garantire il rientro nelle rispettive Province di provenienza di tutti i Vice Ispettori
neopromossi.

Ringraziamo sin d’ora per l’attenzione riservataci.
Taranto, 26 luglio 2023
Il Segretario Provinciale
Pasquale Magazzino

 

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

giochi del meditterraneo 2027

Esclusione di Manduria dai Finanziamenti dei XX Giochi del Mediterraneo: La Reazione del Sindaco

In un recente sviluppo che ha suscitato profondo rammarico e delusione nella comunità, Manduria è …