domenica 18 novembre, 2018 - 0:46:00
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > I sapori di un tempo: la Colva il dolce del giorno dei morti

I sapori di un tempo: la Colva il dolce del giorno dei morti

Per tornare ai “sapori di un tempo” e alle “tradizioni contadine della Puglia” in alcuni paesi del nord barese di tradizione contadina, si prevedeva e si prevede ancora oggi la preparazione di una  macedonia autunnale che tradizionalmente si porta in tavola il 2 novembre.

La Colva, simbolo di vita
La Colva, chiamata anche “grano dei morti”, riporta ad una tradizione lontana nel tempo, risalente alla Grecia antica questa ricetta è conosciuta come Koliva, . Anche se è legato alla commemorazione dei morti, questo dolce, come nella tradizione messicana, è un inno alla vita, un connubio di ingredienti che simboleggiano la rinascita, quali il grano bollito, che deve essere benedetto durante la funzione religiosa di Ognissanti, o il melograno, che ricorda il sangue, simbolo di fertilità.
Tutti gli ingredienti della Colva venivano anche riposti nelle tombe dei morti, perché questi avessero nutrimento nell’aldilà.

Non è un dolce da consumare in allegria, però è davvero un ottimo dolce. La Colva si prepara appunto nei mesi invernali, quando è possibile trovare uva e melagrane. Per il dolce in questione è necessario anche del vincotto, una preparazione a base di mosto di uva o di fichi secchi; il dessert si completa con del cioccolato a scagliette e della frutta secca.

COTTURA: 1 h circa

TEMPO DI PREPARAZIONE: 15′

INGREDIENTI:

  • *4 persone
  • * 500 gr di grano tenero
  • 1 grappolo di uva bianca
  • 100 gr di noci
  • 100 gr di mandorle
  • 1 melagrana (chicchi)
  • vincotto
  • cioccolato fondente a scaglie a piacere
  • fichi secchi a piacere

PREPARAZIONE: Per preparare la vostra colva, ricordatevi di mettere in ammollo in acqua il grano tenero, per almeno un giorno. Scolate il grano ammollato e poi mettetelo a cuocere in una pentola piena d’acqua, per circa un’ora, o comunque seguendo le indicazioni sull’etichetta della confezione o controllando la cottura man mano. Scolate il grano ormai cotto e versatelo in una ciotola. Amalgamate il grano cotto con del vincotto – che trovate già pronto in alcuni negozi alimentari altamente specializzati – quanto basta, a seconda dei vostri gusti. Arricchite la colva pugliese con degli acini di uva, a cui avrete tolto i semini, le mandorle tostate e i gherigli di noci tritati grossolanamente. Completate con i chicchi di una melagrana, con dei fichi secchi fatti a pezzettini e con una pioggerella di scagliette di cioccolato fondente. Servite la vostra colva, in piccole ciotoline.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Taranto, sicurezza alimentare: Guardia Costiera sequestra 4 quintali di mitili

“Continua incessante l’attività della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Taranto a tutela dei …