sabato 05 Dicembre, 2020 - 19:26:18

IL 15 AGOSTO ANDRANNO IN VIGORE LE UNIONI CIVILI

Mi piacerebbe vivere in un mondo in cui l’omosessualità non fosse un titolo di merito o di colpa; anzi di più, che i propri orientamenti sessuali non avessero alcuna influenza nel giudizio pubblico, attenessero solo alla vita privata e alla sfera intima e non fossero regolati dalla legge.

Il discorso non riguarda tanto i gay, la questione dell’omosessualità o le potenti lobby dei gay. Riguarda il gregge, lo spirito da pecoroni che domina e che ci fa vivere l’omosessualità come un totem e l’ironia verso i gay come un tabù. Ricordo il sarcasmo dei progressisti verso i combattenti e reduci o gli orfani di guerra, categorie protette e rispettate dalla retorica del tempo andato. Oggi la stessa retorica, travestita sotto il fard sbarazzino dell’antiretorica e della trasgressione si applica a questa nuova categoria protetta e rispettata. E film, sceneggiati, storie raccontate in video e sui giornali abbondano di conversioni dall’eterosessualità all’omosessualità o alla bisessualità, con accenti mistici ed esaltati di trionfo della verità, di maturità civile e di progresso umano. Coniugi abbandonati per fuggire con compagni dello stesso sesso sono salutati da un coro entusiastico di olè.

Ma cos’è quel primitivo accoppiarsi tra uomo e donna, quel bestiale procreare e mettere al mondo altri poveri fessi…vuoi mettere l’omofilia che è autoreferenziale e che consente di fregare la volontà della specie che si vuole riprodurre, secondo la teoria di Schopenhauer? Il simile vada col simile, e non con l’altro sesso, insegna il nuovo catechismo gay. Ai figli ci penserà la provetta o al più l’adozione.
Se fossi gay mi ribellerei a sentirmi trattato come una bambola e un malatino da proteggere, mi seccherei a sentirmi circondato da questa untuosa retorica e userei per una volta toni virili per mandare a quel paese i tutori laici e pelosi dell’omosessualità. Sono fatti miei, direi, arrivando pure a sostituire la parola fatti. Senza peli sulla lingua. –

da FACEBOOK,  Marcello Veneziani – Pagina autorizzata

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Rapina all’ufficio postale di San Marzano. Rapinatori portano via 70 mila euro

Ieri mattina, alle ore 10:00 circa, in San Marzano di San Giuseppe, due individui, travisati ed …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.