martedì 22 Giugno, 2021 - 16:46:37

Il bambino che fu è giunto alla sua “nuova vita”

Il bambino che fu è giunto alla sua "nuova vita"Il bambino che fu è giunto alla sua “nuova vita”. Oggi è un “vecchio” come tanti che corre per recuperare il Tempo perduto, si muove per non dimenticare la propria identità, la propria appartenenza, le proprie origini, la propria storia. E chi, vecchio come me, ha vissuto i suoi anni nel “selvaggio borgo natio” non ha alcun bisogno di sforzarsi per ricordare. Lungo il mio adagio camminamento nei vicoli stretti e tortuosi del centro storico del piccolo paese in cui sono nato e cresciuto, cerco invano quel mio borgo natio dal volto umano. Dietro Shanghai cerco la mia infanzia, i volti e le tracce di chi non c’è più.

E’ un percorso rituale ma inutile per quelle antiche vie. Profondamente immerso in quel crogiolo di sentimenti, rivedo solo i frammenti di un mondo antico scomparso ed evoco i volti, le parole, i piccoli gesti, i fatti associati a quelle misere casette basse e bianche. C’è uno strano silenzio lungo quelle viuzze. Tuttavia le porte che si affacciano lungo quei vicoli mi parlano. Quelle porte consumate dal tempo, centenarie e cadenti, mi raccontano storie di famiglie povere vissute oltre l’uscio e dentro angusti spazi. E’ un eterno ritorno rivolto al passato. Provate anche voi a scrutare al di là di quelle porte, vi accorgerete quanta storia è racchiusa dentro quelle antiche case, appartenute ad un mondo perduto nei rivoli di un paese perduto.

Il bambino che fu è giunto alla sua "nuova vita"

Odo ancora delle voci flebili e dei malinconici suoni, vedo i volti scarni di Uomini e Donne di un paese lontano. Sono le voci, i suoni e i volti che sono rimasti scolpiti dentro di me fin dalla mia fanciullezza. Sono le voci, i suoni e i volti dei nostri padri e delle nostre madri. Sono i segni della nostra memoria e della nostra nostalgia. Sono i valori della nostra appartenenza, i valori della nostra identità. Sono i nostri valori eterni. Che vale la pena recuperare e diffonderli per non morire di globalizzazione e di mercantilismo.

Tonino Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Tonino Filomena

Tonino Filomena, scrittore e storico documentarista. Attratto dallo studio della Storia e dalle vicende umane ad essa collegate, in particolare del Novecento, dopo essere stato allievo di Tommaso Pedio e Indro Montanelli, conseguendo giovanissimo la laurea in Scienze Politiche, ha iniziato a occuparsi di storia patria documentando e illustrando la vita della sua città natale (Maruggio). È membro della Società di Storia Patria per la Puglia, presidente regionale del Sindacato Libero Scrittori Italiani, Testimonial Albo d’Oro del Comitato Scientifico No Lombroso di Torino; già Socio ordinario dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e Segretario Nazionale dell'Istituto Nazionale Minoranze Etnico-Linguistiche in Italia presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. E’ autore di numerosi saggi, tra cui: Maruggesi nel primo Novecento. Il relitto della Madonnina. Guida a Maruggio, dentro e oltre la storia. Attacco a Maruggio. Paese nostro povero ma bello. Gli occhi della memoria. Nel ventre della Balena Bianca. Così parlò Bilbo. Il soldato contadino e l'ultima sua opera L'infanzia perduta, edita da La Voce di Maruggio.

Leggi anche

Manduria. Solstizio d’Estate, questa sera ore 21.00

Manduria. Solstizio d’Estate, questa sera ore 21.00

Questa sera, domenica 20 Giugno 2021 dalle ore 21.00, in prima edizione e solo su …