venerdì 15 Novembre, 2019 - 21:24:41
Home > Cultura e Eventi > Cultura > Il maestro che rivoluzionó il pensiero di dipingere i volti. Raffaello Sanzio a 500 anni dalla morte

Il maestro che rivoluzionó il pensiero di dipingere i volti. Raffaello Sanzio a 500 anni dalla morte

La devozione e la purezza degli occhi delle donne. I fanciulli tra le mani delle donne. Il gioco a specchio delle figure. Un maestro.
Raffaello Sanzio. 500 anni dalla scomparsa il 2020.  Il maestro che supera completamente la soggezione medievale del volto degli occhi della bocca.  La donna ridiventa oltre che metafora orfica e visione metafisica femmina con una sensualità potente.
Lo svelamento dello sguardo è la profondità di un onirico senso greco. Le donne madonne femmine sono nei suoi 6 sonetti che esprimono una forza inevitabilmente ancestrale in cui il mito è racconto poetico dei volti. Il segreto è nelle sue parole. Crea immaginario.
Raffaello annotava:
“Tanto ardo, che ne mar ne fiumi spegner potrian quel foco; ma non mi spiace, perché il mio ardor tanto di ben mi fece, che ardendo ogni ora più d’arder me consumi”.
Un dato che va oltre la pittura stessa. Si inserisce nel pensiero donna sensualità natura di Raffaello. Così ancora:
“Quanto fu dolce il giogo e la catena delle tue candide braccia al collo mio volti, che sciogliendomi, io sento mortal pena”.

Si inizia un viaggio tra le pagine del sublime di Raffallo. Le immagini di donne hanno una religiosità profonda ma anche un superamento completo dell’angelico risvolto stilnovista.
Fino a fargli scrivere:
“Fallace pensiero, che in ricercar ti affanni di dare in preda il cor per più tua pace, non vedi tu gli effetti aspri e tenaci di colui che ne usurpa i più belli anni?”. Amare l’amore per Raffaello é creare una vanità al volto e al portamento della donna. La sua vita sarà fatta di misteri. Un artista che ha rivoluzionato non solo la pittura ma il modo fi concepire e di vivere l’arte.
Pierfranco Bruni

Commenta con Facebook

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Il melograno: tradizione, mito, simbologia

  Nell’antichità il Melograno rappresentava l’immortalità, la fertilità, la forza della creazione e l’abbondanza; era …