martedì 24 Novembre, 2020 - 16:07:11

Il proiettore del cinema Impero invoca aiuto

videoproiettore

Qualche tempo fa mi trovavo per caso nella stanza adiacente l’ingresso del Nuovo cine-teatro di Maruggio. Una “macchina” infernale (vedi foto) di grandi dimensioni attirò subito la mia attenzione.

L’oggetto in questione era il vecchio video proiettore del glorioso cinema Impero del nostro bel paesello, un pezzo ferroso di storia della nostra comunità che era poggiato su una vecchia pedana di legno, in compagnia di una busta contenente rifiuti rivenienti da una “raccolta indifferenziata”.
Il proiettore, naturalmente, non parlava, ma… invocava aiuto: «Ti prego Tonì, questo non è il posto che merito! Ho fatto tanto per la nostra comunità e adesso sono solo ed abbandonato all’umidità di questo triste centro polivalente mai entrato in funzione!».
Non so se ancora oggi il video proiettore “parlante” si trova lì, in quel posto, solo e pensoso in cerca di una “nuova casa” per essere ammirato da quanti possono comprenderne il “valore affettivo”.

«Vedo il cinema Impero nelle serate d’inverno. […] Per sole poche lire, la domenica pomeriggio, mezzo popolo entra nel cinema Impero. Il cinema è tutto. Il cinema è tutti noi: bambini, adolescenti, giovani, adulti, vecchi, donne, donnine e signorine strettamente accompagnate dai genitori o dal fratellino. Al cinema tutto è tutt’altra cosa: l’amore davanti allo schermo appare bello e immenso. […] Quando la pellicola si ferma bruscamente nel bel mezzo del cammin del film (si strappa o salta), si alza nel buio pesto un coro di urla selvagge. Povero mèstru Erminio […] il macchinista è presto perdonato perché non c’è nessun altro qui a Maruggio capace di far girare quell’aggeggio infernale!» [dal libro: “Gli occhi della memoria – Viaggio sentimentale nella Maruggio degli anni ’60” di Tonino Filomena]

Riportare alla luce quell’ “aggeggio infernale” significherebbe sottrarlo dal buio dell’abbandono. Meriterebbe un destino meno avverso. Perché ha sempre svolto il suo servizio onestamente e con animo combattivo, ha accompagnato le stagioni della vita di ognuno di noi per oltre mezzo secolo.

Diamogli quindi uno spazio idoneo e più “salutare” dove possa essere ammirato dalle nuove generazioni…lungo il solco delle nostre Tradizioni.

Tonino Filomena

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Bollettino epidemiologico Regione Puglia del 19 novembre 2020

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.