venerdì 27 Maggio, 2022 - 6:00:57

In fuga dalla guerra, donna ucraina partorisce a Martina Franca

In fuga dalla guerra, donna ucraina partorisce a Martina Franca
Da sn Tiziana-Martucci resp. Pediatria e neonatologia, Altavilla infermiera e Raffaele Tinelli dirigente UO Ostetricia e ginecologia PO Martina Franca.

La donna è giunta in Puglia qualche giorno fa e subito presa in carico dall’unità di Ostetricia e ginecologia del presidio martinese. Ha portato a termine la gravidanza e il parto naturale è andato bene. La bambina pesa poco più di tre chili. Buone le condizioni di salute della giovane donna, che però è comprensibilmente prostrata dalla situazione.

Una donna ucraina, fuggita da Mariupol e giunta in Italia circa una decina di giorni fa, ha dato alla luce una bimba forte e sana. La giovane donna, al termine della gravidanza, è scappata dalla sua città insieme ai suoi due figli, mentre il marito è rimasto in Ucraina a combattere. La donna con i suoi bambini ha trovato accoglienza a Cisternino, dove è presente una comunità ucraina.

Appena giunta in Valle d’Itria, la giovane, classe 1988, è stata presa in carico dal reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Martina Franca, diretto dal dottor Raffaele Tinelli. I sanitari hanno seguito la donna fino al termine, curando la preospedalizzazione e effettuando tutti i controlli necessari per monitorare l’andamento della gravidanza. Ieri la donna è entrata in travaglio e ha partorito in maniera naturale, assistita dall’equipe medica, ostetrica e pediatrica. Il parto è andato benissimo: la bimba sta bene e anche la donna ha tutti i parametri nella norma. È comprensibilmente triste, data la situazione, ma la ASL ha predisposto l’assistenza psicologica continuativa e la giovane è supportata dal team del reparto di Ostetricia e ginecologia e dai pediatri dell’ospedale.

“A questa giovane donna e alla sua bimba giungano i miei migliori auguri – ha affermato Gregorio Colacicco, direttore generale ASL Taranto – La vita non si ferma, neanche davanti all’orrore della guerra ed è così che, prepotente, una bimba appena nata può, per un momento, rischiarare il buio delle notizie di morte, questo è un messaggio di speranza.” Il direttore generale aggiunge anche un ringraziamento al personale che si è preso cura della donna e della neonata: “La loro professionalità e umanità ha certamente rappresentato un sollievo per una giovane in difficoltà. Abbiamo anche attivato il supporto psicologico, per aiutare la neomamma ad affrontare questa difficile situazione.”

La donna sarà dimessa nei prossimi giorni, seguendo le normali tempistiche per un parto naturale avvenuto senza complicazione alcuna.

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

29 – 30 maggio 2022. Storie di Giovani Vignaioli  Castello Imperiali – Francavilla Fontana (BR)

29 – 30 maggio 2022. Storie di Giovani Vignaioli  Castello Imperiali – Francavilla Fontana (BR)

Domenica 29 maggio al Castello imperiali di Francavilla Fontana (BR)per la prima edizione Storie di …