sabato 04 Febbraio, 2023 - 18:44:21

Kelly Joyce illuminerà il Taranto Jazz Festival Tour

Kelly Joyce illuminerà il Taranto Jazz Festival Tour

La cantante parigina autrice di “Vivre la vie” e “Chocolat” porterà nel capoluogo ionico, insieme ai The Groove Affairs, il suo repertorio di contemporary R&B e pop soul, arricchito da sonorità black american

Il concerto di domenica 10 luglio andrà di scena al Jackstore Social Club di San Vito e segnerà una tappa fondamentale nell’avvicinamento al Taranto Jazz Festival

Una serata mistica, in cui il jazz si unirà alle sfumature black american attraverso una voce fuori dal comune. La cantante parigina Kelly Joyce è pronta per esibirsi domenica 10 luglio, alle ore 21.30, al Jackstore Social Club di San Vito, nell’ambito del Taranto Jazz Festival Tour, la serie di appuntamenti e concerti che precedono la III edizione della manifestazione, che invece trasformerà il capoluogo ionico nel tempio del jazz dal 22 al 24 luglio, nella tre giorni dell’ex Mercato Coperto di via Acclavio.

A illuminare la Città dei Due Mari sarà quindi la Joyce, nota per i suoi successi mondiali come i brani “Vivre la vie” e “Chocolat”, e già salita su uno dei palchi più importanti del mondo come il Festival dei Due Mondi di Spoleto. Un repertorio che spazia dal contemporary R&B al pop soul, facendosi contaminare da nuance di musica afroamericana per un’artista apprezzata ad ogni latitudine, che vanta nella sua carriera anche un concerto in Vaticano davanti a Giovanni Paolo II e la partecipazione nel cast fisso di “Supermarket”, la trasmissione di Piero Chiambretti andata in onda nel 2014.Kelly Joyce illuminerà il Taranto Jazz Festival Tour

Insieme a Kelly Joyce ci saranno i The Groove Affairs, formazione nata dalla collaborazione tra la cantante francese e l’affermato batterista pugliese Francesco Lomagistro, conosciuto a livello nazionale e internazionale. Con loro ci saranno Pietro Vincenti al piano e Gianluca Aceto al basso

Il Jackstore Social Club si trova in viale Jonio 158. Apertura cancelli sin dalle ore 20.00, costo del biglietto 10€. Il ticket è acquistabile anche sulla piattaforma DICE al link https://link.dice.fm/Smy9JlcDmrb.

Il programma del Taranto Jazz Festival

Ad aprire la tre giorni sarà venerdì 22 luglio, alle ore 21.30, l’esibizione di Enzo Avitabile in Tammurriata nova quartet. Il maestro, che vanta una carriera costellata di successi, nonché di collaborazioni con artisti del calibro di Pino Daniele, Franco Battiato e Tina Turner, porterà sul palco il suo bagaglio artistico continuamente aperto alle innovazioni, pieno di un Sud che non è solo una concezione geografica ma uno stato dell’animo e della condizione umana. Pop, ritmo afroamericano e canto sacro si mescoleranno grazie alle sonorità dell’artista napoletano. Con lui saranno protagonisti Gianluigi Di Fenza, chitarra ed elettronica, Emidio Ausiello alle percussioni, e Marco Pescosolido al violoncello.

Sabato 23 luglio, alle 21.30, sarà la volta dei Latin Mood, il sestetto guidato dal trombettista Fabrizio Bosso e dal sassofonista Javier Girotto, che fa dell’incontro tra diverse culture ed estrazioni musicali il proprio tratto distintivo. Fianco a fianco con i due totem mondiali dell’ottone ci saranno Natalio Mangalavite, che suonerà sia il piano che il sax, Luca Bulgarelli al basso elettrico, Lorenzo Tucci alla batteria e Bruno Marcozzi alle percussioni. La loro musica ci farà viaggiare idealmente fra gli angoli più reconditi del Sudamerica, spaziando tra ritmiche uruguaiane e peruviane, e generi come lo joropo venezuelano, il frevo brasiliano e il mambo.

Domenica 24 luglio, alle 21.30, gran finale con il Sergio Cammariere quintet: l’artista crotonese, da ormai trent’anni nel gotha del jazz italiano e non solo, tramite la sua musica d’autore, un pianismo ricercato e una voce calda e suadente, porterà con sé il pubblico in un cammino fatto di raffinatezza e ritmo, che convergono sia nei suoi brani più amati che nel suo ultimo lavoro discografico, “La fine di tutti i guai”. Torneranno con lui sul palco Luca Bulgarelli e Bruno Marcozzi, insieme a Daniele Tittarelli al sassofono e ad Amedeo Ariano, batterista e percussionista.

I cancelli dell’ex Mercato Coperto (entrata via Acclavio), per tutte e tre le serate, saranno aperti sin dalle ore 19.00. Durante i concerti saranno presenti stand gastronomici e dei nostri partner commerciali. Per le prime due serate è previsto un ticket di 20€, l’evento finale invece sarà disponibile al costo di 24,99€. Chi volesse sottoscrivere un abbonamento per godersi tutti e tre gli eventi potrà farlo al prezzo di 55€.

Il Taranto Jazz Festival si avvale del patrocinio del Comune di Taranto, di Kyma Mobilità e del supporto di Movidabilia, organizzazione che, come ogni anno, renderà accessibili alla manifestazione anche le persone con disabilità. Media partner è Radio Cittadella.

La manifestazione è supportata da Teleperformance Italia, Five Motors, Infissi Italia, Ninfole, BCC San Marzano oltre che da Casarredo Caiazzo, La Jonica, Cantine Paololeo, Marturano, Gruppo Miccoli, Parafarmacia del borgo, Miccoli, Olindo Carni, Masseria Carducci, Clemente Assicurazione, Misterghiaccio, Marco Caffio, La Lamiodda, New Home, VisionOttica Saracino, Pellami di Maria, Old Wild West, Feat, Gelateria del Ponte, Frankie Experience, Aguaraja, Coop. Alleanza, Caffè Dolce, Service Plus, SDV, Dedalo, Posizione Note, De Lorenzo, Graphilandia, Provinciali e Mancarella.

Possibilità d’acquisto sul circuito DICE o in alternativa tramite prenotazione telefonica e pagamento via paypal all’indirizzo www.paypal.me/tarantojazzfestival oppure via bonifico bancario intestato a Taranto Jazz Festival (iban IT10Z0708715801000000002416).

Info-line/WhatsApp 392 630 8671 – 333 332 3354

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

La letteratura russa raccontata da Pierfranco Bruni tra Ottocento e Novecento. Il tragico e la bellezza come riferimento

Il tragico e la bellezza o del dialogo fra Bruni e la letteratura della plurinfelice …