martedì 23 Luglio, 2019 - 17:35:12
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > La focaccia barese – Le ricette di Simy

La focaccia barese – Le ricette di Simy

12939361_1170855276259099_2014138445_n

La focaccia barese è un prodotto da forno tradizionale pugliese. La ricetta ha tante varianti ma la sua versione più tipica, tramandata di generazioni in generazioni, ha come ingredienti: semola rimacinata e farina 00, lievito, patate lesse, acqua, sale, olio extravergine d’oliva, origano e pomodorini.

Il suo nome deriva dal latino “panis focaceus”, pane cotto da focolare ed ha origini ultracentenarie.

Probabilmente nata ad Altamura o Laterza come variante del tradizionale pane di grano duro. In passato era la colazione dei contadini e dei pescatori, oggi è diventata il simbolo della gastronomia barese e vanta il marchio di indicazione geografica protetta (I.G.P.).
Ingredienti:
600 gr di semola rimacinata,
500 ml di acqua,
15 gr di sale,
25 gr di lievito di birra,
50 grammi di fiocchi di patata,
2 cucchiaini di zucchero .
per la ricopertura:
500 gr di pomodori freschi, sale quanto basta, mezzo bicchiere di olio exvergine di oliva e origano quanto basta.

Preparativi:
Preparate l’impasto della focaccia sbriciolando il lievito di birra in una ciotolina e unendovi lo zucchero e un poco di acqua tiepida ( che prenderete dai 350 ml totali) ; mescolate e lasciate riposare fino a quando in superficie non affiorerà della schiuma; sciogliete il sale nella restante acqua tiepida. Mettete la farina in una ciotola capiente (o impastatrice) , unite il composto di lievito, fiocchi di patate e l’acqua residua, quindi impastate per bene gli ingredienti fino ad ottenere una pasta liscia, elastica e un pò collosa. Spolverizzate il fondo della ciotola con della farina ed adagiatevi l’impasto: coprite il tutto con un canovaccio pulito e lasciate riposare in un ambiente tiepido e privo di correnti d’aria per circa 2 ore (o comunque fino a che l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume).

 

Trascorso il tempo necessario, stendete la pasta con le mani in una teglia ben oliata fino a raggiungere lo spessore di 1 cm scarso. Fate pressione con i polpastrelli sulla pasta e oliate la superficie in modo che finisca l’olio nelle fessure praticate dai polpastrelli delle dita. Lasciate lievitare per un’altra mezz’ora in un luogo tiepido.12935279_1170855356259091_1385272885_n

Quando l’impasto sarà lievitato , premeteci sopra i mezzi pomodorini in modo da farli penetrare per bene, quindi salateli internamente, spargete l’origano essiccato sulla focaccia , aggiungete delle olive se gradite e completate con un filo di olio extravergine di oliva.

Lasciate lievitare ancora per una mezz’ora e poi infornate la focaccia in forno già caldo a 190 gradi per circa 30-40 minuti fino a che non diventerà ben dorata e i pomodorini risulteranno raggrinziti e BUONA FOCACCIA DI ALTAMURA A TUTTI !

Commenta con Facebook

Notizie su Simona Micelli

Simona Micelli
Simona Micelli - Maturità Scientifica, Presidente di una Cooperativa Onlus che si occupa di servizi sociali ed educativi. Solare, estroversa e dinamica ad oggi collabora ed è parte integrante di diverse associazioni locali e non: Legambiente di Maruggio, l’organo istituzionale della Consulta Giovanile Comunale (e Provinciale) e con la Fondazione Vanni Longo. In passato ha curato per un noto blog la rubrica MaruggioLife WebTv realizzando, grazie alla collaborazione del blogger e amico Gianfranco C., oltre 100 interviste volte a far conoscere meglio il mondo delle associazioni e talenti nostrani. Ama stare sempre in compagnia, degli amici, della famiglia e del suo fidanzato. La sua più grande passione è la pasticceria, tanto da spingerla a creare un blog personale di cucina dal nome: “Le ricette di Simy".

Leggi anche

Litoranea Salentina: controlli della Polizia Stradale, quattro denunce per guida in stato di ebrezza

Anche in questo fine settimana, sono scattati i servizi di controllo degli agenti della Polizia …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.