giovedì 28 Ottobre, 2021 - 19:17:39

La leggenda “ti lu Laùru”

1024px-John_Henry_Fuseli_-_The_Nightmare

Laùru – Folletto, spiritello della casa. Molte sono le leggende popolari che si raccontavano sulle stranezze di questo folletto l’inverno attorno al braciere o nelle sere d’estate seduti sull’uscio di casa. Lu  Laùru disturba con scherzi coloro che non rispettano i propri familiari o semplicemente le persone a lui antipatiche letteralmente saltando loro sulla pancia durante il sonno. Una antica favola nata nel periodo medioevale sotto la dominazione araba, la leggenda narra l’avventura di un folletto chiamato appunto “Tummà u sgummà” della tribù degli sgummà, che allontanatosi dalla sua casa nel paese dei ladisi (si suppone che la zona sia l’antica stazione di Bari) alla ricerca del tesoro perduto degli “giacomini”(gli arabi), si perse nella piana pugliese. Preso dalla disperazione il folletto iniziò a piangere e grazie al fazzoletto che portava sempre con sé donato dalla fata Dusica (dal dialetto pugliese, meretrice) inondo con il suo pianto la valle e dalle sue pignate nacquero gli ulivi. Recenti ricerche hanno dimostrato che ormai la favola è in disuso. In altre storie si dice che cavalchi i cani da pastore nella notte, lasciandoli stremati e sporchi la mattina dopo o che si diverte ad intrecciare i capelli dei cavalli e delle ragazze vergini e che protegge le contadine dalle angherie dei padroni. All’occasione sanno essere subdoli e scaltri, con una mente acuta: molti racconti presentano storie di umani superati in arguzia da queste creature. I Lauri nascondono o rompono piccoli oggetti della casa, ma possono anche far trovare soldi. Si dice che custodiscano numerosi tesori seppelliti durante le guerre. Se catturati, spesso acconsentono a rivelare l’ubicazione delle loro ricchezze, ma in seguito trovano il modo di confondere chi ha ottenuto questa informazione e salvare il proprio oro in extremis. Un racconto molto diffuso è che un contadino (o un ragazzo) lo cattura e lo obbliga a rivelargli la posizione di un tesoro nascosto. Il lauru lo assicura che il tesoro è seppellito in un campo dietro una particolare pianta. Il contadino lega un nastro rosso alla pianta e strappa alla creatura la promessa che non toglierà il nastro, poi va a prendere un badile. Al suo ritorno, vede che ogni albero nel campo ha un nastro identico. Si racconta che se si riesce a prenderlo dal naso o a rubargli il fazzoletto o il cappello si potrà diventare ricchissimi.

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fragagnano: arrestato pregiudicato di nazionalità marocchina resosi responsabile di rapina aggravata nei confronti della propria convivente

Nel corso della serata del 22 ottobre 2021, i militari della Stazione Carabinieri di Fragagnano …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.