domenica 23 Gennaio, 2022 - 16:12:27

La lingua italiana va salvata con la letteratura

DanteDetailSalviamo la lingua italiana. Un incidere culturale più volte sottolineato da Pierfranco Bruni nella sua magistrale lezione sulla letteratura e il Novecento delle Avanguardie svolta con successo a Cosenza davanti a in folto pubblico.
Insistendo sulla questione linguistica, ha analizzato i linguaggi partendo da Dante Alighieri sino a toccare la poesia di Cesare Pavese, nella quale ha fatto filtrare la parola di Fabrizio De Andrè, di luigi Tenco, di Franco Califano. Nella loro poesia e nel loro linguaggio, ha detto Pierfranco Bruni, vi sono segni semantici e adesioni musicali della parola scavati tra la Vita Nova di Dante e le Poesie del disamore di Pavese.
20151001_183356-1Forme linguistiche che hanno rimandi, ma anche rivelazioni che segnano nel ritmo e nel contenuto una metafora che ha interessato lo Stil Novo e il Novecento ermetico e prima ancora futurista.
Bruni, esperto di novecento letterario, ha parlato di Dante attraverso Pound e Spoon River di De André mituandolo da Lee Masters.
Magistrale la lezione di Pierfranco Bruni quando coraggiosamente ha legato Dante a De André. Infatti è da anni che Bruni porta avanti questi approfondimenti e scrivendo il suo saggio su De André nel 1999 dedica un percorso alla letteratura del Due-Trecento in un contesto tra parola e musica.
Concludendo la sua relazione, Bruni ha invitato a rileggere la letteratura attraverso due impalcature : la metafisica e l’antropologia.
Aspetti che interessano Dante e i linguaggi del Novecento.

Facebook Comments Box

Notizie su Pierfranco Bruni

E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

CASTELLO ARAGONESE DI TARANTO: CON IL +40% DI TURISTI HA REGISTRATO UN NUOVO RECORD!

CASTELLO ARAGONESE DI TARANTO: CON IL +40% DI TURISTI HA REGISTRATO UN NUOVO RECORD!

Il Castello Aragonese di Taranto, con un incremento del 40% di turisti ha registrato un …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.