domenica 21 Aprile, 2019 - 10:11:03
Home > La Voce > Locali > La più bella sei tu – Maruggio, Legambiente e le “Tre Vele”

La più bella sei tu – Maruggio, Legambiente e le “Tre Vele”

3_vele_legambienteNelle ultime ore,  Legambiente e Touring Club hanno pubblicato  sul  sito ufficiale le località balneari che hanno conquistato le  assegnazioni delle vele di Guida Blu 2014,  le spiaggie più belle d’Italia. Alcuni siti on-line  pugliesi e locali hanno dato alla notizia un ampio risalto mettendo in prima pagina le bellezze del nostro mare, è anche il caso di Maruggio.

Maruggio e Campomarino riconquistano la 3° vela di Legambiente e Touring Club“,  è il titolo dell’articolo apparso sul  Blog Maruggio Life  che in buona fede ha messo in evidenza la bellezza della spiaggia di Campomarino ma non si è accorto del particolare, ossia:

 Maruggio (TA)  – Puglia  – 3 vele  – La Salina a Torre Colimena (TA), Spiaggia di Porto Saturo (TA)

Non sono ancora  al corrente che Maruggio abbia allargato i propri confini che vanno da Torre Colimena  in territorio di Manduria a Porto Saturo verso nord  in territorio di Leporano. Allora mi viene da pensare, a chi appartengono realmente le tre “vele” assegnate di Guida Blu?  Ho letto con particolare attenzione la presentazione della guida a cura di Sebastiano Venneri – Responsabile Mare Legambiente e la trascrivo  fedelmente mettendo in risalto quello che secondo me è la chiave di lettura.

Eccovi quindi fra le mani una versione completamente rinnovata della Guida Blu. Dopo oltre dieci anni abbiamo deciso così di cambiare il modo di raccontare il meglio delle coste del nostro Paese. La novità più evidente è l’accorpamento delle località e dei comuni costieri in comprensori turistici, ovvero in aree geografiche che tengono più conto di un’offerta turistica omogenea e meno dei confini amministrativi (comunali, provinciali o regionali). Del resto è noto che le scelte dei turisti non sono mai vincolate all’interno di un Comune o di una Provincia, ma più spesso in vacanza ci si ritrova a viaggiare per un territorio del quale si ignorano i confini amministrativi, orientati semmai dal proprio gusto per la bellezza di quei luoghi. E così questa nuova Guida Blu potrà offrire, accanto all’abituale classifica dei comuni costieri italiani, anche informazioni sulla qualità di territori più vasti.  Abbiamo cercato inoltre di completare la descrizione di ciascun comprensorio con il racconto di chi quel territorio vive e conosce meglio. Abbiamo chiesto cioè a una specie di “testimonial” di quel territorio di raccontarci i suoi itinerari, di svelarci i suoi luoghi preferiti, di accompagnarci ed offrirci il suo punto di vista, di prestarci insomma i suoi occhiali per guardare a quel territorio con gli occhi di chi lo frequenta e lo conosce meglio di chiunque altro. In alcuni casi abbiamo chiesto questo contributo a personaggi noti del mondo della cultura o dello spettacolo, più frequentemente invece abbiamo interrogato gli esponenti locali di Legambiente, straordinari conoscitori di luoghi che spesso hanno contribuito a difendere dalle aggressioni e dalla cementificazione. E’ un modo forse più intimo di entrare in un territorio, passando cioè per l’esperienza e per il vissuto di un’altra persona, ma è sicuramente il modo migliore per conoscere il risvolto autentico di quei luoghi, per stare lontano insomma dall’effetto “cartolina turistica” e catturare la vera essenza del territorio che stiamo visitando. A tutto ciò abbiamo aggiunto una serie di consigli su luoghi assolutamente da vedere e cose decisamente da fare. Esperienze insomma da non perdere per godere appieno di una vacanza che non sia solo momento di svago, ma occasione di conoscenza approfondita e crescita personale. Siamo convinti infatti che avvicinarsi così ai luoghi sia il modo migliore per tutelarli, sia in definitiva la dimostrazione di come il turismo, quello vero, fatto di rispetto e cultura, può essere il miglior fattore di crescita e sviluppo per il nostro Paese.
Fate buone e ricche vacanze.”

Quindi, a mio avviso le 3 “vele”, assegnate a Maruggio da Guida Blu 2014 , non sono da riferirsi  alle spiagge di Campomarino e Maruggio bensì a quelle de La Salina a Torre Colimena (TA) e della Spiaggia di Porto Saturo (TA) rispettivamente situate nei territori di Manduria e di Leporano. Legambiente e Touring Club non menzionano affatto la spiaggia di Campomarino di Maruggio e non solo, rileggendo le precedenti edizioni 2011, 2012 e 2013 di Guida Blu  ogni punteggio assegnato  fa sempre riferimento alle spiagge di Torre  Colimena e Porto Saturo .

Maruggio le sue spiagge  meritano il titolo “La più bella sei tu”?

Nel frattempo in sindaco di Maruggio Alfredo Longo sulla pagina ufficiale I love Campomarino su Facebook accenna ad una conquista della 4 vela : “Obiettivo 4 vele entro il 2016 e bandiera blu entro il 2017 !!! Ridaremo a Campomarino lo splendore di un tempo! – continua Alfredo Longo – Da settembre inizia la nuova pianificazione turistica del territorio in collaborazione con tutti coloro che hanno a cuore lo sviluppo della nostra bella marina.
Quest’anno abbiamo anche uno spazio pubblicitario sulla nuova guida del Touring Club “Il mare più bello d’Italia” !

Fernando Filomena 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Maxi operazione della Guardia Costiera a tutela dell’ambiente

TARANTO – I militari della Guardia Costiera di Taranto, alle dipendenze del Comandante Giorgio CASTRONUOVO, …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.