lunedì 19 Agosto, 2019 - 5:30:31
Home > La Voce > Locali > La storia in fondo al mare. Il drone immortala “I Sarcofagi del Re”

La storia in fondo al mare. Il drone immortala “I Sarcofagi del Re”

San Pietro in Bevagna (TA) Italy / 2 giugno 2019.  I Sarcofagi del Re sono delle pesanti vasche di marmo che giacciono a circa 6 metri di profondità nei pressi del Fiume Chidro a poca distanza dalla costa di San Pietro in Bevagna.

Cosimo Trono grazie ad un drone, che ne ha svelato la loro bellezza e magnificenza. La loro presenza sul fondo nelle acque di San Pietro in Bevagna  è nota da tempo, ma fotografarle è invece impresa ardua, i Sarcofagi risalenti al III sec.d.C. , sono 23 non sempre del tutto visibili per via delle mareggiate che ricoprono con sabbia i manufatti. Le «vasche dei re», colonnine alte un metro e larghe una sessantina di centimetri per lato, sono di marmo bianco ed erano destinate a diventare sarcofagi per le sepolture degli uomini illustri dell’urbe.

 

Le «vasche dei re», come sono chiamate da sempre i 23 sarcofagi romani risalenti al 150-900 d.C., adagiati ad appena cinque metri di profondità nelle limpide acque di San Pietro in Bevagna, marina di Manduria. Le colonnine quadrate alte un metro e larghe una sessantina di centimetri per lato, descrivono l’orìgine delle misteriose vasche, parte del carico di una nave lapidaria naufragata a San Pietro in Bevagna all’inrìrca 1800 anni fa. Il battello di cui non è stata conservata traccia, poteva avere una lunghezza di venti metri per una larghezza di sei. I sarcofagi di marmo bianco, di forma e di dimensioni diverse e dal peso variabile dai mille ai seimila chilogrammi, provenivano dall’Egeo e dall’Asia Minore. Probabilmente i manufatti erano destinati a Roma dove sarebbero stati sbarcati nella Statio Marmorum dì Ostia. Da qui, per via fluviale, sostengono gli archeologi, sarebbero giunti alla Ripa Marmorata, presso il monte Testaccio e nel Campo Marzio, dove operavano i marmorari, presso la Statio Rationis Marmorum. Si tratta di sarcofagi per sepolture di grandi uomini dell’Urbe. I ruderi di un molo sommerso nelle vicinanze del sito distante un centinaio di metri dalla riva, testimoniano l’esistenza di un antico porto o perlomeno di uno scalo. I sarcofagi sono simili a quello conservato al Metropolitan Museum di New York. Il ricco giacimento di archeologia marina, giudicato dagli esperti come il più accessibile e importante del genere di tutto il Mediterraneo, sarà oggetto di visite guidate sia subacquee che di superficie grazie a speciali battelli con tondo trasparenti.

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Caporalato, CIA Due Mari: “Ecco come innescare un circolo virtuoso”

Articolato documento consegnato dall’organizzazione nell’incontro in Prefettura  “No allo sfruttamento e all’ipocrisia: le aziende siano …