martedì 30 Novembre, 2021 - 23:05:27

L’ACR di Maruggio anche quest’anno ha voluto allestire un presepe fuori dal comune

Foto:La Voce di Maruggio

Gli educatori, insieme ai ragazzi, sono partiti dallo slogan dell’anno “PRONTI A SCATTARE” e, unendolo al brano dell’icona biblica “TUTTO QUANTO AVEVA PER VIVERE”, hanno dato vita ad un presepe particolare.

Entrando nella cripta della Chiesa Madre lo spettatore si è trovato di fronte ad una lunga pellicola gigante, con delle immagini forti, che hanno lo scopo di colpire e sensibilizzare i visitatori. Si è scelto l’uso delle fotografie perché esse rivelano quello che l’occhio nudo e la mente non vedono o, molto spesso, non vogliono vedere.

Foto:La Voce di Maruggio

Un barbone, come simbolo della solitudine; una bambina messa da parte, come emblema dell’emarginazione; quattro piedini impolverati che condividono un solo paio di scarpe, come segno della povertà; delle prostitute, come raffigurazione dello sfruttamento; un bambino di colore che, con le lacrime agli occhi, addenta un biscotto, come personificazione della fame: questi i cinque temi scottanti che sono stati affrontati. Ogni immagine è stata accompagnata da una breve didascalia che ha lo scopo di sottolineare -ancora di più- quanto gli uomini non facciano nulla per i propri simili. L’unico che c’è sempre e comunque è Gesù, che consola gli afflitti e non li abbandona mai.

A chiudere questa grande pellicola c’è un’ultima diapositiva, che è l’unica scena vivente: la Natività, in compagnia di Angeli e pastorelli, a sottolineare che Gesù nasce sempre e comunque per tutti.

Foto: La Voce di Maruggio

Gesù, con la sua stessa vita, ci dimostra quanto tiene a questa umanità, ferita dalla sofferenza, dall’ingiustizia, dal dolore. Mentre Gesù diventa umano, l’umanità -al contrario- si fa disumana.

Proviamo ad essere più umani e solidali tra di noi e scopriremo che Gesù non se n’è mai andato, ma attende che ognuno renda il proprio cuore più umano: è il cuore il posto in cui far nascere Gesù Bambino.

Annarita Chiego

 

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

EROI E SUPER EROI “MADE IN TARANTO” PER I DELFINI

Il famoso Sal Velluto ha donato una sua tavola originale dedicata a Taranto alla Jonian …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.