sabato 05 Dicembre, 2020 - 4:08:24

L’attacco all’Occidente è nella sua debolezza e nella incapacità di essere identità.

bruxelles-alerte

Un nuovo attacco all’Europa. Non viene colpita una Nazione o una città soltanto. Bruxelles è il centro di una grande griglia simbolica del mondo e della politica europea. Ma siamo in guerra o no? Questo è ancora l’interrogativo che si pone? Ed è realmente una guerra tra modelli di civiltà? Abbiamo chiesto delle riflessioni alle nostre domande a Pierfranco Bruni, esperto di culture del Mediterraneo e di politiche etniche sia storiche che moderne.

Domanda: Dott. Pierfranco Bruni, Lei nel corso di questi anni si è interessato e si interessa di politica culturale delle etnie e di intrecci tra Occidente ed Oriente ed ha scritto diversi articoli sulla questione islamica. Questo nuovo atroce attentato come lo legge?

clip_image004Risposta: “Mi sorprende che ogni qual volta accade un terribile fatto del genere, dal 2001, la politica europea e l’opinione pubblica si sorprendono. Questo significa che dal 2001, e direi addirittura dal 1989 (dalla caduta dei Comunismi), non si è stati capaci di leggere la geopolitica e le trasformazioni che in questi anni sono accaduti. Io già nel 2001, in un Convegno, dissi che ormai siamo entrati in una guerra che non è soltanto economica, petrolifera commerciale, estensiva di interessi ma anche di civiltà. Dal mondo cattolico al laicismo non si è voluto pronunciare il termine guerra. Hanno sbagliato. Si continua a sbagliare”.

Domanda: In Italia addirittura si è paragonato questo terrore islamico alla lotta contro la mafia o alla stagione delle brigate rosse. Una infelice discussione che ha condotto a rafforzare non solo l’Isis, ma tutto il mondo islamico.

Risposta: “Già, si tratta di una dura guerra tra l’Occidente europeo e il mondo islamico. Attenzione, non si tratta di Oriente. Il cuore resta sempre il Mediterraneo. Se non si riesce a comprendere ciò siamo proprio finiti. L’Isis ha dichiarato guerra. Per conto di chi non ci interessa in questa fase. Dobbiamo capire che siamo in una guerra dichiarata e d’altronde se non fosse così che senso avrebbe avuto l’attacco in Libia. Siamo stati noi Occidentale a disarmonizzare la Libia di Gheddafi. Di cosa ci meravigliamo. Non siamo stati attaccati e non siamo attaccati. Abbiamo anche savolto azioni di guerra in un momento in cui era in corso un dialogo tra la Libia e l’Italia. Non Bisogna dimenticare ciò”-

Domanda: Si tratta ormai di una guerra globale tra l’Europa e l’Islam ed è una guerra di interessi economici e di svolte culturali. Qui il nocciolo della questione.

Risposta: “Io non faccio più distinzioni tra un Islam buono e un Islam cattivo. Hanno come principio di valore il Corano come l’Occidente cristiano ha la Bibbia. Direi di smetterla con queste discussioni religiose e dispute religiose. Non esistono in questo momento. L’Islam non è terrorismo. L’Oriente non è terrorismo. Sono state diverse volte in Tunisia e non mi è sembrato di vivere in una Nazione terroristica. C’è il terrorismo. Siamo in guerra contro l’Isis e con contro il mondo musulmano che è stata ed è una civiltà forte. Smettiamola con questa incapacità di osservare le politiche internazionali”.

Domanda: Dott. Bruni, quale potrebbe essere una soluzione in questo particolare momento?

Risposta: “Capire che siamo in guerra. Uscire dall’oblio. La questione legata all’immigrazione è un fatto serio. Ma il terrorismo non ha bisogno dell’immigrazione per colpire. Ha altri strumenti. Se partiamo dal presupposto che sconfiggeremo l’Islam abbiamo già perso. Dobbiamo sconfiggere il terrorismo e questo terrorismo si può sconfiggere soltanto con l’intelligenza di confrontarsi con gli Orienti. È una guerra tra l’Occidente e Isis. Questo è il punto”.

Domanda: Si tratta, si dice in queste ore, di un fatto educativo, bisogna educare…

Risposta: “Educare a cosa. È ridicolo parlare di educazione a cosa? Qui c’è una guerra antica tra civiltà e interessi. Non hanno avuto il coraggio di ricordare il Genocidio Armeno nel suo centenario e si parla di educazione? La Libia era un cuscinetto serio. La Turchia vuole l’Europa. La Siria punta ad un obiettivo occidentale. Il fatto reale è che l’Islam nella sua complessità ha una sua identità. E non da oggi. L’Occidente non ha più alcuna identità culturale e vive di nostalgie. In fondo gli attacchi all’Occidente è un attacco concreto alla debolezza dell’Occidente”.

Miriam Katiaka

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Lo sfogo: questa è la parte (poco umana) di Maruggio che non mi piace

Cari amici, a Maruggio è sempre festa! Nonostante la pesante cappa che sta sulla nostra …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.