giovedì 20 Giugno, 2019 - 13:28:35
Home > Rubriche > A Tavola con La Voce > Le ricette di Anna – Dolcetti tradizionali pugliesi evergreen: Li Scarceddi con marmellata

Le ricette di Anna – Dolcetti tradizionali pugliesi evergreen: Li Scarceddi con marmellata

 

Da non confondere con la famosa Scarcella napoletana con l’uovo che si fa sempre a Pasqua. In provincia di Taranto li Scarceddi sono dei piccoli panzerottini di pasta frolla, ripieni di marmellata o di crema al cioccolato. Sono dei dolcetti molto semplici da preparare e che, usati soprattutto a Pasqua, sono però facili da trovare nei Panifici o Pasticcerie Pugliesi più rinomati in tutto il periodo dell’anno e sono ottimi per la colazione o a fine pasto.

RICETTA
Difficoltà: Media
Durata: 1 h

INGREDIENTI
Farina 00 1kg
Zucchero 300 gr
Burro 150 gr
Olio di oliva 100 ml
Uova 3/4 intere per avere max elasticità d’impasto
Limone intero scorza grattugiata
Bustina lievito 1
Bustina di ammoniaca per dolci (se volete)
Latte per impastare QB
Sale un pizzico
Marmellate varie per farcire

Per preparare la pasta frolla che non deve essere molto morbida, prendiamo 1kg di farina e facciamo una bella montagna iolalàhihùùù, poi aggiungiamoci i 300 gr di zucchero e mescoliamo per bene, aggiungendo un pizzico di sale. Poi uniamo 150 gr di burro a pezzi, non sciolto, ma freddo e lavoriamo il tutto con la punta delle dita ottenendo così un impasto piuttosto granuloso, ma non preoccupiamoci.

Versiamoci così il lievito in polvere, e impastiamo per bene, poi formiamo il nostro bel vulcano e aggiungiamoci le uova, che prima le sbattiamo al centro con una forchetta, poi mettiamo l’olio d’oliva pre-riscaldato e, se vogliamo, la bustina di ammoniaca prima sciolta in mezza tazzina da caffè di latte, ma possiamo anche farne a meno.

Lavoriamo molto velocemente l’impasto perché non deve scaldarsi troppo a contatto con il calore delle nostre mani, ehh lo so, se abbiamo le mani troppo calde, mettiamole prima un po’ sotto un getto di acqua fredda. E poi impastiamo ampressa ampressa. Formiamo una palla, avvolgiamola in un foglio di pellicola trasparente o carta velina che dir si voglia e mettiamola in frigorifero a raffreddare per mezz’oretta circa.
Riprendiamo il nostro impasto e stendiamolo con un mattarello creando una sfoglia di 2/3 millimetri circa. Adesso arriva il bello. Armiamoci di un bicchiere tondo e ritagliamo tanti bei cerchi, poi con le rimanenze rimpastiamo velocemente fino a esaurimento pasta e non solo…

Prendiamo le nostre marmellate, il massimo sarebbe di avere a disposizione la nostra buona mostarda di uva, ma anche crema alla nocciola se vogliamo, e mettiamo un bel cucchiaino colmo su ogni cerchietto, poi prendiamolo tra le mani e, come si fa per i panzerottini, richiudiamolo in due, premendo leggermente sui bordi. Con l’aiuto di una forchetta potremmo poi contrassegnare le frolle al cioccolato, questo per renderle più riconoscibili alle sorelle/fratelli più piccoli che in genere non gradiscono la marmellata… peggio per loro!
Rivestiamo una teglia con la nostra cara ed immancabile carta da forno, se non ne abbiamo possiamo sempre imburrarla e sfarinarla che non si sbaglia mai, e inforniamo a 180°, a forno già caldo per 15 minuti circa. Vedrete come cresceranno veloci. Grazie Anna, mia mamma!

Jenne Marasco

Commenta con Facebook

Notizie su Jenne Marasco

Jenne Marasco
Jenne Marasco nata a Sava dove tutt’ora risiede. Laureata in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università di Lecce, Indirizzo Storico Artistico. Ha conseguito la maturità scientifica al Liceo De Sancits Galilei di Manduria. Ha lavorato in ambito culturale per Eventi e Festival di Cinema occupandosi di Comunicazione, Ufficio Stampa, Organizzazione, Recensioni di Cinema e di Storia del Territorio. Ha collaborato alla realizzazione di documentari su personaggi di rilievo come il poeti e artisti salentini, e su tematiche storiche dedicate alla memoria. Ha collaborato come assistente alla regia al documentario “Viviamo in un incantesimo” (omaggio a Vittorio Bodini 2014). Ama molto leggere ha la grande passione della scrittura.

Leggi anche

Orchidaceae e orchidee spontanee: dal mito alla magia e alla medicina popolare

N.B.: gli utilizzi delle piante di cui si tratta in questo articolo hanno unicamente valenza …