giovedì 21 Marzo, 2019 - 14:44:23
Home > La Voce > Locali > Una leggenda, legata ai “Purcidduzzi”

Una leggenda, legata ai “Purcidduzzi”

 

L’ultimo purcidduzzu si mangia il 17 gennaio festa di Sant’Antonio abate e nel napoletano “Struffoli” sono dei pezzetti di pasta salata fritta croccanti a forma di dente o di gnocco arricciato sulla grattugia, imbevuti nel miele caldo e cosparsi di “annesini” multicolori.
L’origine di questi dolcetti è legata alla leggenda di una famiglia povera che aveva tanti bambini desiderosi di consumare un dolcetto a Natale. La mamma aveva in casa solo un po’ di farina, vino, olio e miele e così preparò della pasta salata per accontentare i figli.
Li fece a forma di gnocchetto, arricciato sulla grattugia, e a forma di denti incisivi da uomo.
Dopo averli fatti lievitare iniziò a friggerli, ma i bambini erano impazienti perché volevano mangiarli subito.
La donna per calmare i figli, che intanto piangevano e strillavano, si inventò una storiella dicendo che i dolcetti erano purtroppo ancora aperti e si dovevano chiudere “sa nna ‘cchjutiri” per poterli mangiarli a Natale.

Nonostante la loro tipicità pugliese legata al periodo Natalizio, sembra che i purcidduzzi siano stati portati dai greci già ai tempi della Magna Grecia (possiamo infatti riscontrare nella cucina greca una preparazione simile, anche se conserva un nome diverso:Lukumates che in italiano si tradurrebbe con “ghiottonerie”)

Non sappiamo se la storia è vera, conosciamo però la bontà di questi dolcetti antichi anche se ad inventarli sarebbero stati gli antichi greci.

 

Commenta con Facebook

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Grande interesse per il forum sulle “Buone pratiche in biodiversità” che si è svolto il 15 marzo scorso a Manduria

  Il CEA, Centro Educazione Ambientale del Comune di Manduria, ringrazia tutti i partecipanti e …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.