sabato 22 Gennaio, 2022 - 16:54:52

Lettera aperta a mia nonna: ricordando l’infanzia tra “li caseddi” di Avetrana

cara nonna ti scrivo

Passeggiando tra li “caseddi” di Avetrana ricordo ancora quei momenti intensi e istanti unici in cui mia nonna mi diceva: “dammi la mano, accompagnami dalla mia amica… voglio sentire il calore del sole e il vento tra i capelli”…

Erano momenti unici in cui “il suo braccio si appoggiava ai miei occhi” e si faceva condurre tra le viuzze strette delle caseddi, il suo passo incerto si accostava al mio e la sua mano stretta alla mia mi dava la forza di affacciarmi alla vita con i miei 10 anni.

Mia nonna non poteva saperlo, no, non credo, ma in quei momenti mi educava al prossimo, a sorreggerlo, condividendo le difficoltà, aspettando chi rimane indietro.

Il suo viso solcato dalla fatica del lavoro nei campi in gioventù, i suoi occhi che avevano perso la luce da tanti anni, ma il suo spirito sempre fiero e solare regalava sorrisi a chiunque andasse a trovarla.

Nel pomeriggio d’estate alle 18 circa quando le bianche pareti imbiancate di calce venivano ricoperte dal refrigerio dell’ombra, era solita sedersi all’angolo di via Parlatano con le sue amiche del cuore, Tetta, Mimina, Lidia, Teresa, Peppina si raccontavano le loro giornate, tra i fatti accaduti in paese e quello che si era mangiato a pranzo, lei era solita tenere testa a tutte con i suoi sorrisi e le sue battute.

Ricordo i pomeriggi interminabili subito dopo la festa di San Biagio, a maggio, giocavamo a nascondino con i miei amichetti, nascondendoci tra il Castello e il Torrione, tra le viuzze e la chiesa madre, sembravamo i “padroni incontrastati” di monumenti e fasti passati, così per delle ore fino al tramonto, finchè la nonna con la sua vocina non mi richiamava.

La fede di mia nonna era unica, mi chiedeva spesso di accompagnarla alla cappella della Madonna del Ponte vicino al Torrione, oppure alla cappella della Madonna del Carmine situata a ridosso del Castello in largo Imperiali per fare la sua preghiera e respirare l’aria buona diceva lei.

Tra le caseddi tutte le volte che ritorno ad Avetrana ritrovo quei momenti, quelle persone, quei pomeriggi della mia infanzia a giocare e ad ascoltare le amiche di mia nonna che radunandosi “alla mantagna” (l’ombra) raccontavano i fatti tra avvenimenti e leggende passate.

Ogni casa, ogni vicolo, ogni famiglia vissuta nelle caseddi racchiude una storia da custodire gelosamente.

Ed io ancora oggi ripercorro i passi di mia nonna e “sento il suo braccio poggiarsi sui miei occhi” e quell’insegnamento di vita che mi permette tutti i giorni di voltarmi indietro e porgere la mano…

Grazie nonna.

Facebook Comments Box

Notizie su Salvatore Cosma

Laureato in Giurisprudenza presso l'Università di Lecce, originario di Avetrana, paese in cui sin da piccolo ha maturato la passione per la musica, in particolare lo studio del pianoforte, strumento che ha studiato diversi anni, parallelamente ha coltivato la passione per la lettura e la scrittura. Attualmente vive e lavora a Reggio Emilia conservando un forte legame con Avetrana, dove torna ogni volta che gli impegni di lavoro glielo consentono. Lavora in ambito sindacale. Si occupa principalmente della rappresentanza politica e sindacale/vertenziale dei lavoratori del settore edile nella provincia di Reggio Emilia. Appassionato di storia, cultura e tradizioni salentine.

Leggi anche

CASTELLO ARAGONESE DI TARANTO: CON IL +40% DI TURISTI HA REGISTRATO UN NUOVO RECORD!

CASTELLO ARAGONESE DI TARANTO: CON IL +40% DI TURISTI HA REGISTRATO UN NUOVO RECORD!

Il Castello Aragonese di Taranto, con un incremento del 40% di turisti ha registrato un …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.