lunedì 25 Ottobre, 2021 - 19:21:36

Made in Taranto, dopo gli ulivi, i ginepri. Propone un Natale “semplice e green”

Foto Cataldo Albano
Foto Cataldo Albano

Dopo gli ulivi, i ginepri. Natale è, ormai, alle porte e fervono i preparativi per rendere la città più bella e accogliente. Un Natale non solo di addobbi e lustrini, ma anche di contenuti in una città che dopo 50 anni di falso progresso, tenta di cambiare e migliorare il suo volto in chiave sostenibile ed a misura d’uomo. Anche quest’anno, l’associazione Made in Taranto è in prima linea, intenzionata a bissare il successo dell’operazione “un ulivo per Natale” che lo scorso anno fu sposata e sostenuta dalla Camera di commercio ionica.

«Dopo 50 anni di falso progresso, stiamo lavorando per una città normale – spiega l’associazione presieduta da Gianluca Lomastro –  Vogliamo circondarci di cose semplici e autentiche. Non solo di cose belle.
Ci è venuto spontaneo pensare ad un Natale diverso: al centro le nostre vere tradizioni e i bambini per i quali abbiamo il dovere di scrivere un nuovo futuro, molto diverso da quello che è stato scritto per noi.

Dobbiamo farci perdonare 50 anni di veleni, di soprusi, di bugie. Non ce lo ha imposto nessuno, ma ci sentiamo in dovere di occuparcene. E così, dopo gli ulivi dell’anno scorso, anche quest’anno puntiamo ad un Natale green, in cui riscoprire le tradizioni e la gioia di stare insieme. Non sarà un Natale ricco. Sarà autentico. Stiamo lavorando ad un’ampia collaborazione: abbiamo già contattato alcuni delegati di Confcommercio. Sentiremo anche gli altri.

Ci occuperemo noi di raccogliere i fondi per realizzare quello che abbiamo in mente. Ed ecco quello che abbiamo in mente: alberi di ginepro al posto delle fredde luminarie, danze e spettacoli di taranta diffusi nei principali centri della città. E poi tante mascotte, per regalare un sorriso ai più piccoli. E poi ancora: sport, gastronomia. Ma non è tutto. E non possiamo svelarvi altro. Proprio oggi – conclude Lomastro – incontreremo alcuni assessori comunali, sperando che ci diano una mano. Speriamo bene. Noi ce la stiamo mettendo tutta».

Gianluca Lomastro, Made in Taranto

Foto Cataldo Albano
Foto Cataldo Albano
Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Fragagnano: arrestato pregiudicato di nazionalità marocchina resosi responsabile di rapina aggravata nei confronti della propria convivente

Nel corso della serata del 22 ottobre 2021, i militari della Stazione Carabinieri di Fragagnano …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.