sabato 22 Giugno, 2024 - 16:58:52

MANDURIA – Sorpresi 141 sporcaccioni incivili in meno di un mese. Chi inquina paga! Le foto.

In meno di un mese sono stati rilevati 141 cittadini incivili, in auto e a piedi, che credono di poter utilizzare la nostra bellissima terra come la loro pattumiera personale.

Le attività di controllo e repressione del fenomeno intollerabile dell’abbandono incontrollato dei rifiuti sono state fortemente volute dall’Amministrazione Comunale su mandato del Sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, e l’Assessore all’Ambiente, Katia Fusco, in stretta collaborazione con il Comando della Polizia Locale e l’ufficio Ecologia del Comune di Manduria.

Questa comunicazione ha l’obiettivo di sensibilizzare ed invitare i cittadini e tutti i fruitori del territorio di Manduria ad adottare comportamenti consoni e rispettosi della legge e ribadire un concetto che deve essere chiaro: “chi inquina paga”. Le attività di controllo e repressione continueranno con l’ausilio di moderne tecnologie utili a punire i trasgressori delle più basilari regole di civiltà oltre che della legge.

L’Amministrazione Comunale richiede la collaborazione della cittadinanza per arginare questo brutale fenomeno. In tal senso, si segnala che, il Corpo della Polizia Locale di Manduria ed il suo Comandante, Umberto Manelli, è a disposizione per recepire segnalazioni e denunce riguardanti atti irrispettosi della nostra terra e dell’ambiente.

 

Facebook Comments Box
Per restare aggiornato con le ultime news seguici e metti “Mi piace” sulla nostra pagina Facebook e iscriviti al nostro canale YouTube.  

Per scriverci e segnalarci un evento contattaci! 

Notizie su Redazione

Redazione
La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

Ilva

Emissioni stabilimento “Acciaierie d’Italia spa” di Taranto del 3 gennaio 2024: l’intervento di Arpa Puglia

In relazione agli eventi emissivi di mercoledì 3 gennaio 2024 visibili all’esterno dell’impianto siderurgico di Taranto, segnalati anche dalla cittadinanza e provenienti dall’area a caldo dello stabilimento “Acciaierie d’Italia Spa”, il personale di Arpa Puglia si è recato presso lo stabilimento ed ha acquisito informazioni su quanto occorso presso l’impianto Acciaieria 2, anche ai fini di successive e conseguenti approfondimenti.