domenica 17 Ottobre, 2021 - 12:27:54

I maxi sequestri di oloturie in Puglia svelano giri d’affari da migliaia di euro. L’appello di Progressi solleva il caso, la Procura apre un’inchiesta

IMG_02 (1)

18 maggio 2016 – C’è un giro d’affari di migliaia di euro dietro la razzìa di oloturie – o “cetrioli di mare” – segnalata da Progressi in Puglia. E la procura apre un’inchiesta.

Solo un mese fa la nostra piattaforma aveva lanciato la campagna promossa dal Comitato “Salviamo le Oloturie” per chiedere alle istituzioni nazionali e locali di vietarne la pesca e sanzionarne il traffico illegale su tutta la costa del Salento www.fare.progressi.org/petitions/salviamo-le-oloturie.

Il “cetriolo di mare”, indispensabile per mantenere puliti i fondali, è pescato senza controllo per essere destinato all’industria orientale. L’oloturia è infatti non solo un alimento pregiato nella cucina dell’est ma viene utilizzato anche nel campo della cosmesi e della medicina, per via delle sue proprietà.

Immediata la reazione di ambientalisti e biologi. “Il prelievo indiscriminato nei nostri mari rappresenta un rischio per la sopravvivenza degli stock naturali presenti nel Mediterraneo e pone problemi legati ad un sovrasfruttamento della risorsa con gravi implicazioni sia tipo ambientale che igienico-sanitario” afferma Elvira Tarsitano, docente di biologia animale all’Università di Bari e presidente dell’Associazione Biologi Ambientalisti Pugliesi.

IMG_01 (1)

La denuncia, ripresa dalle testate giornalistiche locali e nazionali, ha portato ai maxisequestri da parte della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza.

Da qui l’apertura del fascicolo. Il procuratore aggiunto Elsa Valeria Mignone ha avviato un’indagine conoscitiva per far luce sulla vicenda che interessa le coste pugliesi.

“Il caso sollevato in Puglia mostra tutta la potenzialità dell’attivismo digitale – afferma Vittorio Longhi, direttore di Progressi – Una campagna di dimensioni locali può rivelare implicazioni che vanno oltre i confini in cui nasce la vertenza. Noi diamo voce ai cittadini per amplificare le loro denunce”.

www.progressi.org

Facebook Comments Box

Notizie su Redazione

La Voce di Maruggio nasce nel 2010 come supplemento de La Voce di Manduria, dal 17 luglio 2012 diventa testata giornalistica grazie ai propri investitori che credono in questo progetto. Giornale free press La Voce di Maruggio, tratta la cronaca, la politica e cultura e sport principalmente della Città di Maruggio.

Leggi anche

TARANTO – Aggredisce autista della Kyma Trasporti: identificato e denunciato dalla Polizia di Stato

Il personale della Squadra Mobile, nel giro di poche ore, ha identificato e denunciato il …

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.