domenica 09 Maggio, 2021 - 4:13:52

Nel giorno del ricordo non bisogna scavalcare la memoria infoibata. Bisogna avere l’onestà di condannare i morti dimenticati dal comunismo

maxresdefault

Condannare ricordando. Ricordando per condannare i comunismi. Scrisse Aleksandr Isaevič Solženicyn: “Delle atrocità che ho subito io non accuso i miei carcerieri, ma solo me stesso perché quando c’era da parlare io ho taciuto”. 

Quante verità dai morti trascinati nelle Foibe. Il volto del comunismo è unico. Qualche decennio fa si parlava del comunismo dal volto umano, ovvero della barbarie dal volto umano (Bernard-Henri Lévy).

Non è mai esistito un tale comunismo dal volto umano. Il comunismo è semplicemente comunismo. Bisogna solo ricordare il massacro degli infoibati? Bisogna solo dare un senso al ricordare  un eccidio in nome del comunismo? Bisogna solo definirlo come ricordo? La menzogna del comunismo ha ancora l’attrazione di una devastante ideologia marxista?

Interrogativi che restano e che si pongono fino a quando si cerca ancora di “giustificare” il comunismo. Il comunismo non si giustifica. Quell’ideologia nata da una filosofia materialista ha prodotto crimini devastanti. Sono le idee che diventano azione. Non c’è alcuna giustificazione e tanto meno basta definire i crimini comunisti nella geografia dell’Italia dalmaziana – istriana come appunti per un ricordo.

Il ricordo è molto meno della memoria? Non è più pensabile una distinzione tra la memoria e il ricordo. L’Olocausto applicato al popolo degli Ebrei è una tragedia immane come è una tragedia senza alcuna consolazione il dramma e le morti degli infoibati.

 

Non c’è un comunismo “buono” e un comunismo “cattivo” o altro. Il comunismo è la devastante criminalità dei campi di concentramento, è la costruzione dei muri, è la miseria dei Paesi dell’Est soggiogata da madre e padre sovietici. A questo padre e a questa madre il comunismo deve la sua esistenza e la sua resistenza. Il comunismo è unico. Quel marxismo alle cui basi insiste il materialismo storico trova la sua chiave di lettura anche  un terzomondismo che non ha più senso.

Nella storia dell’Italia post Fascista  le Foibe sono lo scandalo ancora non del tutto rivelato ed  è necessario un processo che sia storico ma anche politico. Non si possono condannare gli ex nazisti e non spendere una parola di condanna nei confronti di chi è stato e si è considerato comunista sino al 1989. Se i muri non fossero crollati, se non ci fosse stata la battaglia sincera di un papa come Giovanni Paolo II, se non ci fossero stati i veri cristiani caduti nei campi comunisti, se non ci fosse stato il Gulag raccontato da Aleksandr Isaevič Solženicyn  il comunismo si chiamerebbe ancora comunismo.

Ma i comunisti che si definivano tali sino a due ore prima dell’abbattimento del Muro oggi si considerano realmente anticomunisti o credono che sia passata una stagione della storia e tutto resta depositato nel dimenticato del soffitto della storia? Non è possibile accorciare le distanze ideologiche attraversando il tempo da un’ora all’altra. Non è tempo di ricordare. È tempo di non dimenticare e di fare della realtà storica una verità storica.

C’è una differenza di fondo tra realtà e verità. Cosa è la realtà o cosa è stata la realtà negli anni del comunismo devastante? I morti ammazzati dalla resistenza comunista non sono atti meno criminali rispetto ai morti ammazzati nazisti? Qual è la difficoltà di considerare il marxismo – comunismo diverso dal nazismo? Ancora “politicamente” si continua a commettere errori.

bruni p

No. Il giorno del ricordo degli infoibati è un giorno della memoria pari e uguale allo stesso giorno della memoria dei morti ebrei. Non è possibile custodire il dolore. Il dolore è dolore. La tragedia è tragedia nella memoria e nel ricordo. La morte è morte.

Non bisogna avere paura, come diceva Cesare Pavese, di scavalcare i morti. Quei morti repubblichini o resistenzilisti. Sono morti e dovremmo avere il coraggio della pietà. Ma la pietà cosa è? Solo i morti lo sanno. Una volta scavalcati bisogna domandarsi perché e chiedersi il senso e la ragione. Ma se il nazismo resta un male assoluto nell’assoluto del male c’è il comunismo. Solo questo bisogna non dimenticare.

Finiamola con le storie condivise. Non si possono condividere fino a quando si insiste su parametri ideologici diversi. Non molto tempo fa Aleksandr Isaevič Solženicyn era messo al bando perché si diceva che il suo “Arcipelago” era soltanto una menzogna. Certo. Faceva paura. Il coraggio della verità fa paura. Ma è tempo di uscir fuori dalle paure e con la dignità del coraggio annunciare che l’assoluto del male è nel male assoluto. Non c’è alcuna distinzione tra i morti dei nazisti e i morti del comunismo.

Siamo al dunque. Per una sola volta cerchiamo però di non fare distinzione e parliamo solo di comunismo.

Lo faccio con Aleksandr Isaevič Solženicyn:  <<C’è una parola che si usa molto oggi: ‘anticomunismo’. È una parola molto stupida e mal composta perché dà l’impressione che il comunismo sia qualche cosa di primitivo, di basico, di fondamentale. E così, prendendolo come punto di partenza, anticomunismo è definito in relazione a comunismo. Per questo affermo che la parola è stata mal scelta e fu composta da gente che non conosceva l’etimologia: il concetto primario, eterno, è Umanità. Ed il comunismo è anti-Umanità. Chi dice “anti-comunismo”, in realtà sta dicendo anti-anti-Umanità. Un costrutto molto misero. Sarebbe come dire: ciò che è contro il comunismo è a favore dell’Umanità. Non accettare, rifiutare questa ideologia comunista, inumana, è semplicemente essere un essere umano. Non è essere membro di un partito>>.

Chi oggi ha la forza di sottoscrivere l’affermazione di Solženicyn? In un tempo debole e leggero non occorre soltanto coraggio. Si ha bisogno di un pensiero pesante e pensante.

Pierfranco Bruni

 

Commenta con Facebook

Notizie su Pierfranco Bruni

Pierfranco Bruni
E' nato in Calabria. Ha pubblicato libri di poesia (tra i quali "Via Carmelitani", "Viaggioisola", "Per non amarti più", "Fuoco di lune", "Canto di Requiem", "Ulisse è ripartito", "Ti amero' fino ad addormentarmi nel rosso del tuo meriggio"), racconti e romanzi (tra i quali vanno ricordati "L'ultima notte di un magistrato", "Paese del vento", "Claretta e Ben", "L'ultima primavera", "E dopo vennero i sogni", "Quando fioriscono i rovi", "Il mare e la conchiglia") La seconda fase ha tracciato importanti percorsi letterari come "La bicicletta di mio padre", "Asma' e Shadi", "Che il Dio del Sole sia con te", "La pietra d'Oriente ". Si è occupato del Novecento letterario italiano, europeo e mediterraneo. Dei suoi libri alcuni restano e continuano a raccontare. Altri sono diventati cronaca. Il mito è la chiave di lettura, secondo Pierfranco Bruni, che permette di sfogliare la margherita del tempo e della vita. Il suo saggio dal titolo “Mediterraneo. Percorsi di civiltà nella letteratura contemporanea” è una testimonianza emblematica del suo pensiero. È presidente del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi”. Ricopre incarichi istituzionali inerenti la promozione della cultura e della letteratura. Ha ricevuto diversi riconoscimenti come il Premio Alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per ben tre volte. Candidato al Nobel per la Letteratura.

Leggi anche

Anziano cade in casa, salvato dalla Polizia di Stato

Anziano cade in casa, salvato dalla Polizia di Stato

A tarda sera di ieri, il personale in servizio presso la Sala Operativa della Questura …

Un commento

  1. Avatar
    Parenti di infoibati

    Caduti, infoibati o diversamente massacrati con lunica colpa di essere italiani, in tempo di guerra ed a guerra finita.
    NON DIMENTICHIAMOLI

    Abate Umberto Carabiniere di Silvestro, n. a San Lucido (CS) il 01/01/1916, resid. a Gorizia 02/05/1945 Gorizia
    Abenante Rocco Militare n. a Bocchigliero (CS) il 16/08/1915 12/03/1944 Udine
    Afflisio Giovanni Sergente di Ottavio, n. a Tarsia (CS) il 18/09/1912 30/04/1945 Trieste
    Albanese Pietro Bersagliere di Francesco, n. a Siderno (RC) il 06/02/1923 30/06/1944 Gorizia
    Alfano Gabriele V. Brigadiere P.S. di Serafino, a San Vincenzo la Costa (CS) il 02/03/1907, resid. a Udine 24/03/1945 Udine
    Aloe Nicola Agente P.S. di Gennaro, n. a Longobardi (CS) il 14/05/1923, resid. a Gorizia 01/05/1945 Gorizia
    Amelia Vincenzo ‘M.lo c. n. a Rosarno (RC) il 24/04/1901 ’01/06/1944 ex Ju
    Amorelli Paolo Carabiniere ex n. a Lamezia Termi (CZ) il 24/06/1921 ’03/05/1945 Gorizia
    Angotti Sante M.llo Ca. n. a Nicastro (CZ) nel 1895 – 20/12/1905 05/05/1945 Pola
    Antonucci Renzo ‘1^Av. n. a San Marco Argentano (CS) il 30/08/1922 ’18/03/1944 Gorizia
    Arcà Rocco Carabiniere n. ad Anoia (RC) il 23/10/1901 11/09/1943 Gorizia
    Arcari Rosario Militare di Raimondo, n. a Catanzaro il 27/04-06/1914, resid. a Trieste 26/05/1944 Trieste
    Arconti Giuseppe Carab. nato a Bova Marina (RC) il 17/04-06/1921 02/02/1944 Gorizia
    Azzara Girolamo ‘Leg. n. a Motta San Giovanni (RC) il 09/02/1873 ’18/02/1945 ex Ju
    Barbieri Aristide (dott.) S. Tenente di Giuseppe, n. a Rende (CS) il 26/08/1882, resid. a Pola 19/05/1945 Dalmazia
    Barbiero Vincenzo Militare n. a Grotteria (RC) il 04/02/1923 ’06/05/1944 ex Ju
    Basile Cosmo Geniere di Domenico, n. a San Cosmo Albanese (CS) il 02/11/1921 19/05/1944 ex Ju
    Benedetto Giuseppe Candiloro Serg. di Vincenzo, n. a Montebello fraz. Saline Joniche (RC) il 10/02/1912 (01/09/1911?) 17/08/1945 Slovenia
    Bertuca Francesco Sergente n. a Cortale (CZ) il 22/05/1917 20/05/1945 Fiume
    Blotta Armando Pasquale Ten. Col. di Gennaro, n. a Catanzaro il 30/01/1895, resid. a Trieste 26/05/1945 Trieste
    Bono Paolo Militare di Giovanni, n. a Bianco (RC) il 02/02/1923 28/04/1945 Trieste
    Bradamante Giuseppe Agente P.S. n. a Stignano (RC) 01/10/1944 Pola
    Brancatisano Giuseppe Militare n. a Samo (RC) 28/04/1945 Gorizia
    Brasca Domenico Carab. Serg. di Rosario, n. a Vibo Valentia il 11/11/1917 02/09/1944 Dalmazia
    Brigante Carmelo Militare di Antonio Gius., n. a Ferruzzano (RC) il 02/12/1922 21/03/1945 Croazia
    Bruni Nicola Colonnello di Francesco, n. a Dasà (VV) il 19/03/1897 14/05/1945 Udine
    Calabretta Giovandomenico Carab. Ex di Giuseppe, n. a Mesoraca (KR) nel 1924 02/05/1945 Pola
    Camminiti Sante/Sante Agente P.S. di Francesco, n. a Villa San Giovanni (RC) il 12/02/1907, resid. a Trieste 17/05/1945 Trieste
    Canna Antonio Militare n. a Lamezia Terme (CZ) il 08/09/1923 01/05/1944 Dalmazia
    Caruso Giuseppe Antonio Sergente di Francesco, n. a Platì (RC) il 31/08/1914 17/02/1945 Pola
    Ceravolo Vincenzo Militare di Filippo, n. a Maida (CZ) il 16/07/1907 03/03/1945 Trieste
    Chiaravalle Antonio Militare n. a Pizzo (VV) il 15/05/1917 30/11/1944 ex Ju
    Cimino Pasquale Carabiniere n. a Cutro (KR) il 12/01/1915 05/05/1945 Gorizia
    Coccimiglio Salvatore Finanz. S.Brigadiere di Antonio, n. a Fiumefreddo Bruzio fraz. San Biase (CS) il 24/12/1899, resid. a Trieste 01/05/1945 Trieste
    Corbo Bruno cug. di Giuseppe Agente P.S. di Nicola, n. a Arena (VV) il 26/04/1920 14/06/1945 Fiume
    Corbo Giuseppe cug. di Bruno Agente P.S. di Giovanni, n. a Conca d. Campania (NA) il 06/09/1913 (1918?), resid. Fam. a Marzano Appio (CS) 14/06/1945 Fiume
    Cortese Ferdinando ‘Cpl. m. n. ad Aquaformosa (CS) il 01/05/1910 ’27/03/1945 Udine
    Cosmano Aurelio Serg. Maggiore di Angelo, n. a Locri (RC) il 23/01/1923 03/03/1945 Pordenone
    Cotronco Saverio Aviere di Giuseppe, n. il 02/02/1924, resid. a Mileso (CZ) ’24/05/1944 Pordenone
    Crea Giuseppe Agente P.S. di Nicola, n. a Motta San Giovanni (RC) il 01/06/1923, resid. a Gorizia 03/05/1945 Fiume
    Cupello Pasquale Militare Cap.le di Francesco, n. a Paola (CS) il 17/10-25/06/1922 31/01/1945 Udine
    Cuzzocrea Giuseppe Fuciliere di Marina di Domenico, n. a Melito di Porto Salvo (RC) il 7-24/07/1924 27/05/1945 Croazia
    D’Agostino Domenico ‘Serg.m. di Antonio, n. a Castrovillari (CS) il 15/10/1896, resid. a Trieste 14/04/1944 Trieste
    D’Agostino Sebastiano V. Brig. Carab. di Giuseppe, n. a Sant’Alessio In Aspromonte (RC) il 04/12/1920 20/01/1944 Pola
    D’Amico Luigi Antonino S.Tenente di Pasquale, n. a Reggio Calabria il 19/02/ – 31/12/1925 31/12/1945 ex Ju
    D’Atri Mario Pietro Vol. n. a Castrovillari (CS) il 26/09/1896 ’29/05/1945 Slovenia
    D’Atri Oscar Civile di Antonio, n. a Castrovillari (CS) il 07/09/1897 29/05/1945 Gorizia
    Dattola Giuseppe P. Guardia Marina di Salvatore, n. a Reggio di Calabria il 07/01/1922 01/07/1946 Pola
    De Marco Francesco Maresciallo di Giuseppe, n. a Crotone il 25/08/1908, resid. a Udine 28/12/1944 Udine
    De Simone Luigi Militare di Pasquale, n. a Paludi (CS) il 15/08/1920 16/02/1945 Udine
    Domerillo Enrico Bers. Serg. A.U. di Oreste, n. ad Arena (VV) il 08/01/1922 21/12/1943 Gorizia
    Doria Isidoro Raffaele T.Col. n. a Vibo Valentia il 21/03/1888 19/05/1945 Dalmazia
    Elia Felice Carabiniere di Giuseppe, n. a Petronà (CZ) il 16/10/1903, resid. a Trieste 05/09/1944 Udine
    Fabiano Salvatore ‘Sten. n. a San Pietro in Guarano (CS) il 06/01/1921 ’29/05/1945 Gorizia
    Fazzari Pietro Bersagliere di Giovanni, n. a Ferruzzano (RC) il 06/06/1923, ivi resid. 01/07/1945 Slovenia
    Fiore Agostino Militare n. ad Acri (CS) il 14/02/1919 ’05/05/1945 Gorizia
    Fissore Federico Militare di Amedeo, n. a Locri (RC) il 13/05/1917 10/05/1945 Slovenia
    Garofalo Angelo Ruggero Militare di Sante, n. a Parenti (CS) il 21/01/1921, ivi resid. 04/06/1945 Slovenia
    Ghedina Giovanni Militare sc. di Michele, n. a Stignano (RC) il 09/04/1907 25/04/1945 Pola
    Gigliotti Albino Civile di Giuseppe, n. a Rogliano Calabro (CS) il 19/03/1898, resid.a Duino Aurissina 11/09/1943 Gorizia
    Gigliotti Menotti Civile Vol. di Felice, n. a Serrastretta (CZ) il 28/09/1880, resid. a Gorizia 20/05/1945 Gorizia
    Giorgi Giovanni ‘Cpl. m. n. a San Luca (RC) il 31/01/1923 ’02/05/1945 Gorizia
    Giovinazzo Francesco Giuseppe Militare residente a Rosarno (RC) 05/04/1945 Croazia
    Gnisci Concetta Civile Vol. n. a Reggio Calabria il 23/11/1876, resid. a Fiume 01/05/1945 Fiume
    Guglielmi Luigi Militare di Rosario, n. a San Lucido (CS) il 07/02/1922 25/10/1944 Croazia
    Gugliotti Luigi ‘Cpl. m. n. ad Albidona (CS) il 08/01/1903 06/04/1945 Gorizia
    ‘Iannelli Francesco ‘Cpl. m. n. a Cirò Marina (KR) il 18/02/1912 ’11/06/1944 Pola
    Ioppolo Domenico Militare di Francesco, n. a Polistena (RC) il 22/09/1908 15/12/1944 ex Ju
    Italiano Prospero Agente P.S. di Vincenzo, n. ad Amendolara (CS) il 23/11/1913, resid. a Trieste 30/04/1945 Gorizia
    Labate Giuseppe Maggiore n. a Reggio Calabria il 01/01/1897 23/04/1945 Pordenone
    Le Rose Francesco Finanz. S.Brigadiere di Giuseppe, n. a Roccabernarda (KR) (Crotone) il 11/04/1908, resid. a Trieste 03/05/1945 Trieste
    Ligato Antonino Finanz. Appuntato di Francesco, n. a San Lorenzo (RC) il 12/04/1904, resid. a Trieste 01/05/1945 Trieste
    Lo Monaco Domenico Finanz. M.llo Magg. di Vincenzo, n. a Catanzaro il 24/03/1901, resid. a Trieste 15/03/1945 Trieste
    Loiacono Giuseppe Militare Ten. di Francesco, n. a Rosarno (RC) il 07/04/1914 15/12/1944 ex Ju
    Lombardi Giovanni Militare di Giuseppe, n. a Fabrizia (VV) il 01/02/1901, resid. a Trieste 05/04/1944 Pola
    Lombardo Antonio Bersagliere n. a S.Marco Argentano (CS) , il 10/10/1922 27/04/1945 Zara
    Lombardo Gaetano Brigadiere P.S. di Vincenzo, n. a Roccella Jonica (RC) il 20/06/1908, resid. a Trieste 05/05/1945 ex Ju
    Lorelli Arturo Fin. S.Brig. n. ad Amantea (CS) il 17/03/1912 30/09/1943 ex Ju
    Lotito Saverio Militare di Francesco, n. a Lungro (CS) il 23/02/1923 06/04/1944 ex Ju
    Lubrano Giovanni Militare di Michele, n. a Radicena (RC) il 07/07/1924, resid. a Monfalcone 17/08/1944 Gorizia
    Lubrano Michele Civile di Francesco, n. a Taurianova già Radicena (RC) il 28/07/1900 03/05/1945 Trieste
    Madre Giuseppe Bers. Sergente di Giovanni, n. ad Africo (RC) nel 1923 23/05/1945 Slovenia
    Maffei Carlo Bers. Sergente n. ad Africo (RC) nel 1923 14/09/1944 Gorizia
    Malena Gregorio Civile di Cesare, n. a Rossano Calabro (CS) il 01/02/1886, resid. a Gorizia 02/05/1945 Gorizia
    Maltese Salvatore Civile di Vitaliano, n. a Catanzaro il 05/10/1899, resid. a Rovigno 23/09/1943 Pola
    Marte Giuseppe Bers. Sergente di Giovanni, n. ad Africo (RC) il 13/08/1923 23/05/1945 Slovenia
    Mazza Pietro Leg. n. a San Pietro Apostolo (CZ) il 03/03/1914 ’06/05/1945 Pola
    Mazzacca Tullio Agente P.S. di Arturo, n. a Mignano Monte Lungo (CS) il 19/07/1922, resid. a Gorizia 04/05/1945 Gorizia
    Miglio Carlo Umberto Finanz. n. a Castrovillari (CS) il 01/03/1907 01/09/1943 Udine
    Milione Nicola Leg. n. a Montegriodano (CS) il 26/12/1908 ’25/10/1944 ex Ju
    Mirenzi Gaetano ‘Cpl. m. di Francesco, n. a Vassano (CZ) il 16/11/1905 05/05/1945 Gorizia
    Mobilia Giorgio Militare di Serafino, n. a Laureana di Borrello (RC) il 04/05/1918 02/02/1944 Gorizia
    Morabito Giuseppe Agente P.S. n. a Bovalino (RC) il 20/11/1923 ’02/05/1945 Trieste
    Muracca Antonio Bers. Cap.le Maggiore di Pasquale, n. a Reggio Calabria il 17/6/1918 19/05/1945 Gorizia
    Nebbioso Ernesto Agente P.S. di Romolo, n. a Crotone il 19/06/1894, resid. a Rovigno (PL) 18/06/1945 Fiume
    Nucera Domenico Finanz. n. a Guardavalle (CZ) il 29/11/1908 01/09/1943 Dalmazia
    Paone Antonio Capo 3^ n. a Bova Marina (RC) il 28/08/1897, resid. a Monfalcone (GO) 01/02/1945 Trieste
    Pappalardo Attilio Cap.no n. a Reggio di Calabria il 20/11/1896 ’06/09/1944 ex Ju
    Pelicanò Luigi ‘Cpl. m. n. a Reggio Calabria il 26/09/1899 ’03/05/1945 Trieste
    Pellegrino Pasquale Serg. di Vincenzo, n. a Falerna (CZ) il 06/06/1908, resid. a Gorizia 25/05/1944 Gorizia
    Pellicano Luigi Bers. Cap.le Maggiore di Alfredo, n. a Reggio Calabria il 27/09/1899, resid. a Trieste 03/05/1945 Gorizia
    ‘Pellicano Luigi ‘M.llo n. a Reggio Calabria il 27/09/1899 ’03/05/1945 Gorizia
    Petrone Salvatore Militare di Benedetto, n. a Acri (CS) il 04/03/1909 22/09/1944 Croazia
    Pirrello Antonino Agente P.S. di Antonino, n. a Reggio Calabria il 29/11/1916 01/05/1945 Fiume
    Polito Filippo Agente P.S. di Salvatore, n. ad Ardore (RC) il 18/08/1923, resi. a Trieste 02/05/1945 Trieste
    Prochilo Vincenzo Brigadiere di Salvatore, n. a Taurianova già Radicena il 12 agosto 1908 11/06/1944 Pola
    Pugliese Filippo Militare di Antonio, n. a Vibo Valentia (VV) il 15/12/1920 23/07/1944 Fiume
    Quartuccio Saverio/Severino Civile di Paolo e Sererina Smorto, n. a Cleto (RC) 23-5-1899, res. a Gorizia 07/05/1945 Gorizia
    Raddi Angelo Cap.le Maggiore di Domenico, n. a Roggiano Gravina (CS) il 01/01/1914 18/11/1944 Gorizia
    Rionero Francesco Soldato di Salvatore, n. a Vascinezza (CZ) il 20/06/1920, resid. a Vazzano (VV) 05/07/1945 Slovenia
    Romanò Francesco Militare resid. famiglia a Bisignano (CS) 01/07/1945 ex Ju
    Rosmarino Alberto Civile di Francesco, n. a Locri (RC) il 23/10/1926 01/05/1945 Pola
    Rumanò Giuseppe Fin. App.to di Francesco, n. a San Demetrio Corone (CS) il 16/11/1912 05/09/1944 ex Ju
    Russo Vincenzo M.llo Ca. P.S. di Francesco, n. a Fiumefreddo Bruzio fraz. San Biase (CZ) il 10/10/1894, resid. a Trieste 02/05/1945 Trieste
    Santoro Francesco Militare n. a Fuscaldo (CS) il 01/03/1917 ’18/04/1945 Pola
    Scanga Francesco Carabiniere ex. di Gregorio, n. a Lago (CS) il 02/02/1922 15/07/1944 Gorizia
    Scilinguo Vincenzo Maresciallo pilota di Giovanni, n. a Malvito (CS) il 16/01/1908 18/03/1944 Gorizia
    Scorza Giuseppe Militare scelto di Domenico, n. a Santa Sofia d’Epiro (CS) il 20/01/1920, resid. ad Azzano Decimo (PN) 30/04/1945 Pordenone
    Scumaci Giuseppe Carabiniere n. ad Albi (CZ) il 15/08/1912 ’19/09/1943 Dalmazia
    Sergi Saverio Agente P.S. di Leonardo, n. a Melito di Porto Salvo (RC) il 02/03/1923, resid. a Trieste 04/05/1945 Trieste
    Sica Giuseppe Agente P.S. n. a Stalettì (CZ) il 01/07/1916 ’30/12/1945 Slovenia
    Sollazzo Vincenzo Fuciliere di Marina di Bruno, n. a Reggio Calabria il 24/02/1922, resid. a Trieste 20/10/1944 Pola
    Spezzano Giacomo Agente P.S. di Giacomo, n. a Reggio Calabria il 18/08/1916, resid. a Gorizia 10/09/1944 Gorizia
    Spinella Giovanni Agente P.S. di Rosario, n. a Reggio Calabria il 06/03/1920, resid. a Trieste 24/05/1945 Trieste
    Stabile Eugenio Militare n. a Cittanova (RC) il 24/09/1927 ’08/10/1944 Pola
    Stilo Giuseppe Marinaio di Pietro, n. a Campo Calabro (RC) il 03/08/1922 09/01/1944 Pola
    Storace Francesco Brigadiere di Oreste, n. a Falerna (CZ) il 16/12/1920, resid. a Campoformido (UD) 11/08/1944 Udine
    Talè Pasquale Sergente di Agostino, n. a Reggio Calabria il 15/03/1920, resid. a Trieste 01/05/1945 Trieste
    Torchio Nicola Carabiniere/Brigadiere di Nicola, n. a Rocca Imperiale (CS) il 10/03/1911, resid. a Trieste 01/05/1945 Trieste
    Tringali Salvatore Finanz. n. a Bova Marina (RC) il 24/03/1923 ’30/09/1943 ex Ju
    Trovato Vincenzo Militare di Giovanni, n. a Lamezia Terme (CZ) il 25/08/1921 07/02/1945 Trieste
    Truglio Vincenzo Militare n. a Curinga (CZ) il 01/04/1898 01/05/1945 Gorizia
    Valle Antonio Agente P.S. di Roberto, n. a Pignataro Maggiore (CS) il 14/12/1903 04/05/1945 Fiume
    Vallone Antonio/Claudio Bersagliere n. a Lamezia Terme (CZ) il 15/04/1925 27/11/1945 Slovenia
    Vangieri Salvatore Militare di Luigi, n. a San Giorgio Albanese (CS) il 13/01/1923 01/04/1945 Gorizia
    Zito Antonio Finanz. n. a Benestare (RC) il 04/12/1905 09/03/1945 ex Ju

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.